in Salute

Vitamin Angels e Multicentrum Junior per salvare la vista dei bambini

vitamin angelsE’ il 1994 quando il terremoto di Northridge spinge Howard Schiffer a considerare la possibilità di fondare un’organizzazione no profit dedicata alla fornitura di nutrienti essenziali ai bambini e alle comunità bisognose: quattro anni dopo, a Santa Barbara (California) nasce Vitamin Angels, un’organizzazione che opera a livello internazionale per contribuire attivamente alla diminuzione della cecità e della mortalità infantile dovute a carenze alimentari, in particolare causate dalla mancanza di Vitamina A.

In 16 anni di attività l’organizzazione ha esteso la propria area di intervento a 43 paesi del mondo tra cui Asia, Africa, America Latina; il suo obiettivo è quello di sensibilizzare e mobilitare il settore privato affinché collabori e renda accessibili i micronutrienti, quali la vitamina A, da somministrare a neonati e bambini sotto i 5 anni che soffrono di carenze alimentari. Distribuire nutrienti essenziali a bambini sottonutriti o malnutriti significa rinforzarne il sistema immunitario, renderli in grado di combattere le malattie infettive, e ridurre la mortalità infantile dando loro una prospettiva di crescita.

Ogni anno fino a 500.000 bambini diventano ciechi per la grave carenza di vitamina A; al fine di combattere questa piaga, per ciascuna confezione acquistata, in cui si promuove questa iniziativa, Multicentrum Junior devolve all’organizzazione Vitamin Angels, le dosi annuali di vitamina A necessarie per salvare la vista ad un bambino.
La cifra devoluta da Multicentrum Junior a Vitamin Angels è destinata per la quasi totalità (almeno il 95%) alla fornitura di Vitamina A, e solo per una minima parte (meno del 5%) viene utilizzata per le spese amministrative dell’organizzazione.
Tutte le informazioni riguardo questa operazione sono disponibili sul sito di Multicentrum, www.multicentrum.it/junior, dove sono anche pubblicati regolarmente gli aggiornamenti sull’evolversi dell’iniziativa valida fino all’autunno del 2011.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *