in Psicologia

Violenza sulle Donne: iniziative per la prevenzione

violenza donneIl 25 novembre sarà la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne e saranno tante le occasioni in tutta Italia per sensibilizzare sull’argomento. Ne segnaliamo una tra le tante, che avrà luogo a Napoli.
Mondo Donna” parte oggi 23 novembre con la quinta edizione e dedica la prima giornata del calendario 2016-2017 proprio al tema della prevenzione della violenza e si intitolerà “Prevenire la violenza? Proviamoci con l’educazione ai sentimenti”.
Il primo appuntamento è in programma il 23 novembre, alle ore 17, presso la Sala Convegni G. Zannini della Clinica Mediterranea (in via Orazio 2).
Si tratta di un progetto ideato dalla Clinica Mediterranea e vuole essere un momento gratuito di informazione rivolto a tutti i cittadini che vogliono essere più consapevoli sui temi che riguardano la salute e la prevenzione in genere.

Omicidi, maltrattamenti, violenze sulle donne, sui bambini, bullismo e cyber bullismo temi attuali e sempre più diffusi. Obiettivo della serata non sarà focalizzarsi sull’una o l’altra forma di violenza, ma di capire se sia possibile prevenirla.
È possibile ad esempio prevenire la violenza con l’educazione ai sentimenti? Molti genitori si preoccupano delle necessità materiali (i telefonini, i vestiti…), ma non si preoccupano che il ragazzo esprima le proprie emozioni e soprattutto che lo faccia in maniera non violenta, quando è arrabbiato, quando ha paura. Via via che i bambini crescono, è necessario che i piccoli riescano a controllare le emozioni, a parlare di ciò che gli succede. Perché più si parla delle emozioni più se ne stempera la forza; se non si imparano le parole per esprimere le emozioni si finisce per esprimersi a livello fisico.

Ospite d’onore di ““Prevenire la violenza? Proviamoci con l’educazione ai sentimenti” è Cristina Donadio, protagonista della nuova serie “Gomorra”.

Gradito ospite della giornata di inaugurazione sarà Enrico Coscioni, Consigliere del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Dopo i saluti di Chiara Marciani, Assessore alle Pari Opportunità della Regione Campania, di Daniela Villani, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli e del Comitato Scientifico Mondo Donna, composto da Salvatore Panico, Silvestro Scotti, Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli e da poco nominato Segretario Generale della FIMMG (il Sindacato dei Medici di Famiglia) e Maria Triassi, ne discuteremo insieme a Cristina Donadio, attrice e protagonista della serie “Gomorra”, Luisa Franzese, Direttore Generale USR Regione Campania, Padre Antonio Loffredo, parroco, Edoardo Patriarca, Presidente Centro Nazionale Volontariato e Presidente Istituto Italiano della Donazione e Promotore della Legge sul Terzo Settore, Elvira Reale, Psicologa e Componente Osservatorio Nazionale Anti Violenza.

A seguire, alle 19, ci sarà un’installazione artistica di Tommaso Ottieri.

“L’idea di base – spiega Tommaso Ottieri – è rovinare con un segno arancio un ritratto molto delicato di donna. Questo è il modo in cui generalmente i fotografi di moda contrassegnano i provini riusciti di una session fotografica su una modella. Oltre a rendere evidente la mercificazione del soggetto, trascura del tutto il contributo al lavoro portato dalla donna. Il mondo dell’arte è purtroppo molto indietro su questioni che riguardano la parità di diritti.”.

Mondo Donna proseguirà, poi, con altri otto incontri che si svolgeranno – sempre di mercoledì – fino a giugno del prossimo anno.

Focus della nuova edizione il tema della ‘Prevenzione’: i vari incontri affronteranno una serie di tematiche con un unico principale interrogativo: come prevenirle? I determinanti della salute sono i fattori che influenzano lo stato di salute di un individuo e – più estesamente – di una comunità o di una popolazione. Contano più i comportamenti individuali o il contesto politico, socio-economico e culturale? La discussione non è solo teorica e concettuale; le sue conclusioni hanno a che fare con le strategie di prevenzione e le politiche sanitarie di una nazione. Nell’edizione 2016-2017 di Mondo Donna abbiamo voluto affrontare le patologie più diffuse in Italia, nel tentativo di capire in che modo gli stili di vita e la prevenzione possono aiutarci a prevenirle. In particolare, dopo la violenza, tratteremo di uso corretto dei farmaci, obesità infantile, abuso di sostanze, tumore del colon-retto, tumore mammella, malattie cardiovascolari e per finire tratteremo la gravidanza, per affrontare in maniera più consapevole tale periodo della vita di una donna ed evitare un parto inappropriato.

“Siamo liberi di scegliere, scegliere se farci curare o prenderci cura di noi, di avere cura del nostro corpo o lasciarci andare, di partorire naturalmente o con un taglio cesareo. Ma siamo veramente liberi di scegliere se non abbiamo gli strumenti per operare scelte consapevoli? È questa la domanda che ci siamo posti in fase di progettazione del quinto ciclo di incontri “Mondo Donna”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *