logo

Turismo dentale: rischio o opportunità? L’indagine di Striscia la Notizia

turismo dentaleIn questi giorni Striscia la Notizia ha portato sullo schermo un’indagine a cura dell’inviato Moreno Morello circa il turismo dentale in Croazia. Il servizio è partito dall’Italia, tramite interviste e preventivi di dentisti italiani, confrontati con quelli croati. La differenza di prezzo è risultata essere molto significativa: per un ponte, ad esempio, la differenza è stata di 2000 euro: 2.800 euro in Italia contro gli 800 euro della Croazia.
I dentisti italiani soggetti del servizio hanno imputato i bassi prezzi alla qualità professionale dei colleghi croati, rei, a loro dire, di effettuare interventi di infima portata che costringerebbero poi i pazienti a tornare in Italia per risistemare i danni subiti, spendendo più di quello che avrebbero dovuto.
Moreno Morello si è quindi recato di persona in Croazia per verificare come stessero le cose: all’atto delle interviste, molti pazienti italiani hanno dichiarato piena soddisfazione per gli interventi, a fronte di spese molto minori rispetto a quelle italiane: una signora ha dichiarato un rapporto uno a tre per una cifra di 10.000 euro, che in Italia sarebbero stati 30.000.
Interessante l’intervista finale a un odontotecnico croato che dopo essere stato per qualche tempo in Italia si è trasferito negli Stati Uniti per approfondire gli studi: il professionista ha affermato che i minori costi non sono dovuti a materiale scadente o ad incompetenza, bensì ai minori costi accessori, come l’affitto dello studio: in effetti, a nostra opinione, le ditte che commercializzano un’efficace laser odontoiatrico o producono leghe dentali di qualità hanno una dimensione internazionale che permette di raggiungere anche i mercati emergenti in campo odontoiatrico come appunto quello croato. A riguardo della durata dell’intervento, che in Croazia è molto minore rispetto all’Italia, il professionista, che potete vedere nel video, ha affermato che con un laboratorio vicino i tempi si riducono. Per i ponti, la brevità di intervento sarebbe addirittura positiva perché ridurrebbe il rischio di infezioni che richiedono interventi supplementari. Insomma, il turismo dentale esce assolto dalla querelle, anche se una vacanza in centro benessere è sempre meno dolorosa.



24 risposte a “Turismo dentale: rischio o opportunità? L’indagine di Striscia la Notizia”

  1. Gianluigi ha detto:

    Mi meraviglia aver visto e sentito cose di bassissimo livello al telegiornale più bello d’Italia. Intervistare un odontotecnico, che in quanto tale non ha alcuna competenza medica, è un’assurdita’ degna di un giornalista di dubbia preparazione. I tempi ridotti di intervento, servono solo per spillare soldi anzitempo.

  2. Enrico ha detto:

    Complimenti per l’articolo e soprattutto per aver definito interessante l’intervento di un odontotecnico (noto per essere un cultore della letteratura odontoiatrica e medica) e aver ribadito di fatto le sue affermazioni non competenti e quindi pericolose per la salute orale della popolazione… da quando si fa parlare di odontoiatria e quindi di medicina personale non sanitario?

    Stigmatizziamo il comportamento di un mezzo di informazione come Striscia, e conseguentemente tutti i media che lo riportano come avete fatto voi, che fa discutere di odontoiatria personale non sanitario con un conseguente messaggio stravolto che arriva alla popolazione, inducendo la stessa a ragionamenti sbagliati e pericolosi per la salute, presentati come inchiesta e quindi ancora piu’ deleteri.
    Nella fattispecie si e’ tornati indietro nel tempo, un tempo dove le prestazioni “odontoiatriche” erano eseguite dai barbieri e ci si basava sull’empirismo evidente senza nessuna connotazione scientifica, perché’ con buona pace dell’odontotecnico croato, il tempo di attesa fra le varie fasi della protesica fissa tradizionale ( ponti e corone ndr) e’ sostenuto da tutta la letteratura scientifica degli ultimi quarant’anni..
    Una cosa e’ certa: certe trasmissioni cosiddette nazional popolari non possono fornire all’opinione pubblica messaggi in campo sanitario non veritieri ed e’ curioso che proprio Striscia da anni paladina nella lotta dell’abusivismo medico, si renda complice di una caduta così’ evidente, di cui stiamo valutando i riscontri legali.

  3. Stefano ha detto:

    Salve e grazie per i commenti. Penso che la differenza tra odontotecnico e dentista sia chiara ai più. Tuttavia credo che l’intervista all’odontotecnico sia sta interessante nei ragionamenti riguardo a materiali e laboratori, di cui un odontotecnico si occupa. Quanto al ragionamento sui ponti, se leggete bene ho inserito un condizionale “sarebbe”, quindi mi fa piacere la specifica del signor Enrico, che tra le righe dichiara di essere un dentista appartenente all’Associazione Italiana Odontoiatri: se vuole fare un articolo di risposta, al di là della replica ufficiale del vostro Presidente, ci contatti via mail.
    Agli altri ricordo che nel post si cita la fonte, non essendo possibile l’embed dei video di Mediaset, ed ognuno può guardare l’intervista originale e tirare le sue conclusioni.

  4. Marcello ha detto:

    E’ divertente e soprattutto incredibile leggere certi commenti “autorevoli”. Il servizio che ha fatto STRISCIA non è altro che la differenza che uno spende per fare un identico lavoro in italia. La differenza come la giustificate Voi Addetti del settore ?. Questo è il punto. L’odontotecnico ha dichiarato un suo pensiero è non è affatto distante con la realtà delle cose che succedono in Italia. Spiegateci chiaramente i costi che vengono praticati in italia se sono congrui, se i tempi lunghi devono essere tali e per quali motivi e soprattutto spiegateci se i dentisti Croati sono Banditi come hanno dichiarato i dentisti italiani e spiegatene bene i motivi. Personalmente vi state attaccando alle funi del cielo perchè non avete argomenti per discutere nel merito. In croazia costa meno, rilasciano la certificazione del lavoro e SOPRATTUTTO FANNO LA FATTURA “.. cosa assai rara nel nostro paese. Saluti a tutti gli onorevoli commentatori della vostra verità.

  5. Marcello ha detto:

    Dimenticavo ….. vogliamo discutere su quanti odontotecnici praticano il lavoro del dentista con la compiacenza e la collaborazione di vostri illustri colleghi ?.. STRISCIA NE HA FATTI VEDERE TANTI !!! …

  6. Tiziano ha detto:

    Posso garantirvi con assoluta certezza, ( lavoro presso una grande ditta che commercializza prodotti dentali), che la stragrande maggioranza dei dentisti europei, acquista prodotti dentali (ponti e quant’altro) da fantomatiche ditte di origine cinesi…! Lascio a voi immaginare cosa possono mettervi in bocca questi dentisti dell’ est europa.!

  7. Michela ha detto:

    Buongiorno, mi dispiace leggere e vedere cose che non sono assolutamente vere. Avete provato ad andare in Croazia in una clinica con la C maiscola? Sto facendo un lavoro che in Italia mi sarebbe costato un occhio della testa, beh là la spesa è quasi la metá con un servizio al quanto impeccabile. La clinica dove vado io ha un pienone di italiani ogni giorno e TUTTI SODDISFATTI. E poi, una domanda a chiunque abbia fatto degli impianti in Italia, ma voi, per cifre di 10/20 mila euro, avete un numero seriale di ogni impianto che avete in bocca? Io si, 9 impianti garantiti 20 anni con tanto di codice seriale. Per non parlare di pulizia, cortesia e professionalità. Buona giornata

  8. Marcello ha detto:

    Michela il tuo intervento basta e avanza per zittirli. !! questi cosa vuoi che ne sanno del servizio, qualità, cortesia e SUPER PROFESISONALITA’ !!!! questi devono giustificare i soldi che sfilano dai portafogli della povera gente ignorante facendo terrorismo !! sono oltre 20 anni che vado in Croaazia e posso garanetrire che le centinaia di persone che insieme a me hanno fatto i lavori sono tutti CONTENTISSIMI E SODDISFATTI !!! .. voglio rispondere al Sig. Tiziano che pensadi avere la verità in tasca per giustificare i prezzi. Lei sig. Tiziano che lavora in una grande azienda del settore, dovrebbe BEN SAPERE che per farsi preparare i ponti dalla CINA occorrono dei tempi lunghi, esattamente quei tempi che ti fanno attendere in italia !!!!1 in CROAZIA le cliniche hanno i laboratori interni e il lavoro lo fanno subito rilasciando la CERTIFICAZIONE DEL PRODOTTO, LA GARANZIA E SOPRATTUTTO LA FATTURA !!!!! Ma di cosa vogliamo discutere, per favore !!!! vergognatevi ogni tanto e imparate a rispettare la gente !! ANDATE IN CROAZIA E NON ASCOLTATE QUESTI SIGNORI CHE CERCANO DI ANNASPARE IN UNO STAGNO DI MELMA FINO AL COLLO !!!

  9. ste ha detto:

    Un saluto a tutti.
    Lo ammetto , faccio parte della categoria medici odontoiatri, (voi direte: “eccone un altro!”) da pochi anni, e forse, data la giovane età lavorativa e la passione per il lavoro non mi sento ancora parte della “casta”, cerco ancora di vedere le cose dall”‘esterno”. Vorrei dire molto sull’argomento, ma discutendo anche con amici che si occupano d’altro, mi rendo conto le difficoltà nel comprendere un argomento per i più “estraneo”. Come se al sottoscritto parlassero di ingegneria o di meccanica…. io non ci capisco niente!!
    Semplifico e Vi porto solo la mia esperienza.
    Ho sempre lavorato per studi e cliniche odontoiatriche altrui, ma dopo poco ho deciso di mettermi in proprio, Pieno di entusiasmo Ho allestito un piccolo studio con una dipendente (il locale era in affitto) e ho cominciato a rendermi conto della situazione ! solo per l’acquisto delle atrezzature di base, ho dovuto fare un mutuo come per l’acquisto di una piccola casa! Come per tutte le attività poi ci sono le spese fisse (luce-gas acqua – telefono-affitto- dipendenti) Poi il costo dei materiali di uso quotidiano, materiali che vengono usati 1 sola volta per ogni paziente e poi si buttano. Costi per la disinfezione e sterilizzazione dello studio e strumenti,( costi altissimi!… sapete quali malattie potete prendere da un dentista??) Costi per lo smaltimento dei rifiuti speciali( scatoloni ogni settimana), costi di gestione, burocrazia, documenti ecc ( impossibile da gestire, bisogna pagare qualcuno che se ne occupi!) Costi per continui corsi di aggiornamento , e non vi annoio più con tutto il resto! poi lo sapete tutti , allo stato oggi dobbiamo “devolvere” più del 50% del guadagno. Dunque da questa mia esperienza ho capito che per risparmiare ed abbassare i costi bisogna tagliare una, anzi, più voci , tra quelle prima elencate, ovviamente tutto a scapito della qualità delle cure e della salute del paziente! Io ho scelto di non mettere a repentaglio la salute dei miei pazienti e di non abbassare il livello qualitativo delle cure. MORALE: dopo 3 anni ho dovuto chiudere e sono tornato a fare il collaboratore da altri . QUindi, un consiglio , come anche in altri settori, diffidate sempre da chi vi da lo stesso servizio ad un costo molto inferiore, Chiedetevi il perchè.

  10. Livio da Fiume ha detto:

    Pure io ho un dentista in Croazia…. anche perche’ vivo qui a Fiume (Rijeka) :D Pero’ fatto sta che i dentisti croati hanno una buona qualita’ del servizio, il Ministero della Salute controlla ogni clinica stomatologica quindi e’ relativamente sicuro…
    Ho un sacco di parenti dall’Italia (discendenti degli Esuli Giuliano-Dalmati) che vengono qui per l’estate e sfruttano l’occasione per andare dal dentista :)

  11. Chiara ha detto:

    La mia esperienza con la clinica in Croazia è molto positiva. Sono stata li c.a. 5 anni fa in una piccola clinica in Abbazia vicino Fiume dove ho trovato del personale cordiale e professionale. Ho speso meno della metta in confronto al Italia, comprese spese di viaggio e alloggio.

  12. Marco ha detto:

    caro STE
    premesso che:
    ho qualche capello bianco e quindi credo di avere parecchi più anni di te e da 35 lavoro come piccolo imprenditore privato…… rispondo alla tua domanda “chiedetevi il perchè”. anzi ti suggerisco una serie di risposte

    1-le tasse in italia sono a livello indecente
    2-la burocrazia italiana è undedale dal quale nemmeno i commercialisti possono dar certezze
    3-i controlli sanitari sono durissimi e al limite del ridicolo: riporto una notizia (vera) di 10gg fa, nella quale la GDF ha visitato alcune cascine rurali della Toscana, multando chi aveva pollai con + di 20 galline…perchè se hai tutte quste galline vuol dire che ci guadagni!!!
    4-in altri paesi europei, spesso di livello professionale + alto del nostro, NESSUNO chiede “le serve la fattura?” allora va aggiunta l’iva!

    potremmo andare avanti ma il quadro è chiaro: fare impresa , professionale o meno, in Italia è davvero difficile, emntre in molti paesi euro pensano più a concentrarsi sulla qualità dei servizi invece di passare soldi e tempo a capire le nuove norme (L’Italia ne produce da sola quante la metà dell’area Euro)

    Ecco che, in paese dove tali balzelli non ti assalgono (ci sono ma , me molto meno) e dove la mano d’opera e le infrastrutture costano meno…si riesce nel “miracolo”: pagio meno ad uno stato esoso, e faccio prezzi migliori, ma guadagno lo steso e faccio la fattura perchè non devo pagare il 56% di tasse: è un concetto così difficile?

    I professionisti italiani gridano all’inquisizione per questi motivi, ma non mi pare che nessuno di loro guadagni 800euro al mese o abbia problemi di arrivare a fine mese

    allo stesso modo qualcuno mi spieghi (tu puoi STE?) come mai il 90% dei bambini ha bisogno dell’apparecchio: ai miei tempi manco ci si pensava (ed esistevano, of course), oggi, che sono molto più sofisticati e (ma guarda te…) costosissimi….non c’è figliolo che scappi a questo: che sia una epidemia?

    Ed è ovvio che gli apparecchi dei miei figli (fatti in italia , pagati migliaia di euro) siano diversissimi da quelli che avrei potuto far metere in Croazia (o altri paesi noti): vero?
    pero’ chissà perchè al sotoscritto nessuno ha dato un certificato di provenienza dei materiali, nessun “tracciamento”, nessuna garanzia e of course, nessuna fattura…

    Conosco molti odontotecnici italiani che lavorano per una miseria salvo poi vedere il loro onoriario moltiplicato x 10 dal densita, che poi vi aggiungerà il lavoro: per favore, ognuno si curi dove vuole, ma i signori “dentisti”, come gli altri specialisti, non facciano le vittime, perchè se qualche vittima esiste…non sono certo loro.

    Concludo chiedendo, per favore, di farla finita con sta barzelletta della cina: il 75% delle merci che circolano in Italia sono prodotte in Asia, ed è quindi probabile che ognuno di voi, in casa, abbiate valanghe di prodotti “made in china” (o bangladesh, o taiwan etc..)

    Chiedo scusa per i vari errori di battitura, non ho fatto correzioni…penso pero’ che i concetti siano comunque comprensibili

  13. ste ha detto:

    Grazie Marco per la tua analisi, concordo con te su molte cose, le mie ultime parole volevano far riflettere sul perchè , spesso , le cure odontoiatriche hanno costi elevati.
    E tu hai dato delle risposte che in parte giustificano il tutto.
    Mi vien da dire quindi che i costi elevati spesso sono dovuti a tutto l’apparato che gira intorno al mondo odontoiatrico e imprenditoriale in genere qua in italia… più che alla voglia di arricchirsi dei professionisti.
    Nessuno di noi oggi si compra la barca o le case al mare o in montagna o i macchinoni! ( io ho una Golf!) Oggi se le possono permettere solo quelli seduti in qualche sedia In Regione o al Governo!
    Provo ora a rispondere alle tue domande:
    – credo anch’io che nessuno abbia problemi ad arrivare a fine mese, però ritengo che una persona che studia fino a 25-30 anni per poter svolgere poi un mestiere che richiede una elevata professionalità, un aggiornamento continuo, un impegno economico notevole per aprire l’attività , ecc ecc, debba essere retribuita in maniera adeguata, questo vale per tutte le attività che richiedono questo tipo di iter …. non credi?
    – E’ vero , spesso oggi i bambini richiedono un trattamento ortodontico ( gli apparecchi ai denti per capirci). Ma non perchè una volta non fosse necessario, ma perchè oggi tutte le branche della medicina hanno raggiunto un livello tale da curare molti tipi di patologie che un tempo non conoscevamo. Siamo cresciuti tutti lo stesso anche con i denti storti, ma ora vogliamo che i nostri figli abbiano i denti dritti! Una volta si moriva di raffreddore o influenza, oggi prendiamo i farmaci. Vogliamo le tette più grosse, il naso dritto ecc ecc. Scusa gli esempi stupidi, ma spero tu abbia capito cosa intendo.
    – Le persone oneste e disoneste esistono in ogni professione e paese, Ti posso garantire che per la mia esperienza da uno studio non esce e non entra niente che non sia certificato e garantito.
    -Non conosco gli odontotecnici che conosci tu, di solito il costo del lavoro protesico è così suddiviso: 1/3 è il costo odontotecnico e 2/3 è il costo dell odontoiatra . Quindi dal prezzo che paga il paziente, al professionista va il 75% meno tutti i costi che ho citato nel mio primo intervento, quindi rimane di solito netto circa il 50%. ( sul quale dobbiamo tutti pagare le tasse ovviamente) ..Io sono di parte, quindi lascio a te giudicare se è un costo adeguato o no.
    – Purtroppo è vero ciò che ha detto Tiziano qualche intervento sopra.
    Oggi arrivano nel nostro mercato prodotti dal costo bassissimo e di dubbia qualità . ora se si tratta della maglietta o del jeans poco importa, al massimo li butto, ma per prodotti che riguardano il campo medico io ci starei ben attento! Ricordo poco tempo fa un articolo delle protesi al “piombo” arrivate da non so dove …..e per fortuna sequestrate in dogana!
    Concludo con una domanda a chi vuol rispondermi:
    Ho dovuto per la prima volta in vita mia rivolgermi ad un avvocato tempo fa, per questioni di edilizia. Lo visto 3 volte , mi ha dato 2 fogli stampati e 1 marca da bollo . Mi ha detto che è stato 1 volta in tribunale.
    Costo di questa operazione 1800 euro. Qualcuno mi spiega i suoi costi dove stanno e come sono suddivisi!??

  14. ste ha detto:

    …la domanda finale che ho posto è una provocazione … nonostante sia stata per me la realtà!
    Intendo dire che anche dove non vi siano spese e costi particolari di materiali, strutture ecc ecc. a volte si paga molto.
    Si paga la competenza, la professionalità, cose spesso difficili da valutare e ancor più difficile è darne un prezzo.

  15. Gianni ha detto:

    E parliamo di costi,dovete sapere che nella sala d’attesa degli studi dentistici Croati i Dottori lasciano le riviste scientifiche e le riviste specialistiche dei fornitori di materiali per odontoiatria a disposizione dei pazienti.Quindi vi potete fare un’idea di cosa costi allestire uno studio dentistico e vedere il costo dei materiali che vengono usati.Nello specifico un tavolo da lavoro (poltrona) costa mediamente 10000 euro, gli sterilizzatori a partire da 2500 euro il costosissimo impianto (un dente) proposto dalla ditta Straumann,costa 100 euro il perno 20 euro in più se per incisivo,30 euro il moncone,e da 180 a 400 la corona quindi tra i 200 e i 500 euro.Si può dedurre facilmente quanto sia il ricarico della manodopera sia in Italia che in Croazia.Dimenticavo che nelle riviste vengono riportati i servizi con foto dei meeting internazionali a cui partecipano i Dentisti Croati e potrete facilmente riconoscere qualcuno che magari vi sta per operare. I colpevoli non sono i dentisti Croati ma il vostro Ordine cari Dentisti Italiani, liberatevene e rendete concorrenziali i prezzi e noi verremo da Voi.

  16. massimo ha detto:

    Buonasera, io sono andato in Croazia in una clinica che x me e molto seria o fatto un lavoro che in Italia mi sarebbe costato 13 mila euro beh là la spesa è stata di 5200 euro con un servizio al quanto impeccabile. La clinica dove vado io ha un pienone di italiani ogni giorno come mai, e lo stesso lavoro la faatto mio suocero ed e passato due anni tutto ok con un grosso risparmio.

  17. Stefano ha detto:

    I DENTISTI SONO LADRI!! LADRISSIMI!!!
    i pazienti italiani dei croati sono polli….

    I dentisti sono sempre sotto accusa da tutti, perchè tutti, prima o poi, ci finiscono sotto. Perché, come dice il buon ste, nessuno si lamenta mai dei costi di professionisti che NON hanno spese? il Notaio? l’avvocato? l’architetto? l’ingegnere?

    d’altra parte, tutti i mestieri sono cari…. infatti, l’evoluzione delle cose porta le aziende a produrre fuori dall’italia. Noi stessi andiamo in Sharm per farci una vacanza da sogno con lo stesso costo del casello stradale milano-genova.

    non cè da meravigliarsi se in altri paesi le cose costano meno!

    riguardo al dentista, io ho pazienti svizzeri e tedeschi e vengono da me per … (rullo di tamburi!!) perchè da me costa meno e la qualità è alta!!!! e il mondo gira così!!

    i dati di fatto circa i costi ridotti si riducono a tre macro categorie:

    1) costi di gestione diversi: la segretaria costa meno, come l’appartamento, come la luce, come il gas, come la burocrazia e le tasse.

    2) materiali di qualità inferiore: è indubbio che se si vuole utilizzare per le corone una lega in oro (ancora il miglior materiale esistente), si deve utilizzare l’oro, giusto? e se l’oro ha un prezzo internazionale, come fa a costare meno in croazia? è semplice, NON è oro!!!!
    Un mio paziente ha vissuto per diversi anni in Cina, divenuta ormai simbolo della pessima qualità. Andando da dentisti di livello, non quelli del sottoscala, i costi erano sovrapponibili ai miei e su certe voci anche superiori.

    3) tempi ridotti: la biologia necessita dei suoi tempi… chi abita al confine e fa mille volta andata e ritorno ha un senso… chi va una votla e si fa rifare la bocca è uno stolto…. io ho cercato di convincere il ginecologo di mia moglie a far nascere il mio bambino dopo 4 settimane…. mi ha detto che era impossibile… quando dipingo una parete non è forse meglio aspettare che si asciughi, prima di appenderci dei quadri? Già il fatto che vengano proposti ponti definitivi in 2 giorni (come nel servizio di striscia) è sintomo di scarsa qualità… per guarire le gengive hanno bisongo di minimo minimo 1 mese!!! ahhahaha vuol dire che il dentista croato non conosce le regole della biologia!! oppure vuole farti fesso, attirandoti con prezzi bassi a fare il lavoro subito!

    queste cliniche nascono da una richiesta onesta dei pazienti, e da una differenza di costi diversa. sono però ormai diventati centri di produzione di massa, in cui l’obiettivo è puramente estorsivo nei confronti dei pazienti.

    ho visto pazienti venire da paesi dell’est con lavori fatti davvero bene e altri fatti davvero male. quelli fatti bene, però, erano tutti locali… abitavano la… e andavano e venivano dal dentista come fa un italiano… quelli fatti male… erano italiani dei viaggi della speranza….

    Al nostro amico Gianni chiedo alcune cose: Impianti Straumann a 100 euro sono rubati e rivenduti. Ti prego dimmi dove li trovi!!! te ne compro un po, così posso abbassarre i prezzi!! anche per i monconi!!!!! che prezzi che hai!! e poi gli hai delle sterrad a 2500 euro! ne prendo 4!!! e poltrone di alto livello a 10000? me ne vendi 10?

    Devo dirti la verità, che giro tantissimi (ma davvero tantissimi) congressi internazionali in europa e in america. non ho MAI visto un dentista croato-rumeno-bulgaro. MAI. per la prima volta un gruppo rumeno ha presentato un lavoro al congresso EAO di questi giorni… volete contare quanti italiani ci sono? prego!!!

    http://www.eao-congress.com/sites/eao-congress.com/files/attached_files_download/12eao_final-v5.pdf

    Gianni, per cortesia, mi indicheresti quale è il tuo dentista croato tra i tanti speaker internazionali? sono davvero curioso di conoscerlo. Sono ora al congresso a copenhagen e se me lo dici te lo saluto calorosamente!!

    Vai invece a controllare quanti italiani sono chiamati a parlare in europa. Davvero tanti, se consideri che sono congressi mondiali… e sai perché? perchè siamo davvero bravi.

    e poi, caro Gianni, altra domanda: che lavoro fai? Io spero davvero per te, che la tua azienda decida di trasferirsi in Croazia per spendere meno… in effetti la convenienza cè… uno come te in croazia lo pagano la metà, vuoi mettere? lavora anche meglio!!! e non ruba impianti come secondo lavoro!! ahhaha

    Che poi io non sono neache contrario al turismo dentale. come dicevo ho pazienti che vengono da oltralpe per farsi curare da me. Ma di certo non ho mai dato precedenza alla loro lontananza per fare lavori di fretta, senza rispettare i tempi biologici. Se mi vogliono, tornano 100 volte, altrimenti che si trovino un dentista in germania!!!!

    la mia conclusione è quindi uguale al titolo…

    Se i dentisti italiani sono ladri, se ne deduce che i pazienti italiani dei dentisti croati sono polli….

  18. ste ha detto:

    Mi piace sempre discutere e confrontarmi , possibilmente senza alzare troppo i “toni”… sono fatto così.
    Ma comprendo Stefano nel suo “sfogo” cosi accorato.
    Nonostante sia anch’io del settore ritengo in tutta onestà che persone dalle disponibilità economiche limitate possano e debbano rivolgersi altrove per le cure, e meno male che ciò è possibile, è più che legittimo, e come anche in altri settori esistono prodotti simili, ma di diverso prezzo e qualità, e ogni uno si orienta verso il prodotto che ritiene sia più consono alle proprie tasche. non andiamo tutti in boutique a fare acquisti, molti vanno al mercato rionale, o nei grandi magazzini. La 500 non costa come una mercedes, sono 2 automobili , tutto sommato svolgono lo stesso servizio, ma sappiamo tutti che non sono esattamente la stessa cosa ,no?
    Questo però non vuol dire che alla mercedes siano tutti ladri perche il loro prodotto costa 10 volte tanto!
    Se andate in africa ( parole di un amico marocchino) , spenderete meno ( ma molto meno!!) di quel che spendereste in croazia, ungheria ecc ecc. vuol dire che in croazia son tutti ladri!?… ovviamente no.
    Voglio dire che le cose vanno viste e giudicate in base al loro contesto. Come ho accennato qualche intervento fa, la nostra professione ha dei costi molto alti per vari aspetti , legati al nostro mercato interno , e a tutto quel che ci gira intorno, Oltre agli obblighi imposti dalla legge su tutto ciò che ci riguarda in materia di sanità ecc ecc. Ma è fuor di dubbio , come ribadiva Stefano, che l’odontoiatria italiana è ai vertici mondiali come qualità, professionalità e aggiornamento . Questo forse non giustifica tutti i costi, ma aggiungete la professionalità e la preparazione ai costi che elencavo negli interventi precedenti. Non voglio ripetermi e quindi confermo che le cure dentistiche in italia sono costose, come sono costosi gli affitti, la benzina, e mille altre cose! Ma per cortesia, come cerco di fare sempre io, pesate bene le parole, I LADRI sono altri, ne abbiamo un esempio in questi giorni dalla tv e dai giornali.
    …. non voglio convincere nessuno, spero solo di far un pò riflettere gli amici intervenuti sopra, e tutti quelli che leggeranno in seguito. Un saluto a tutti!

  19. Signorapotente ha detto:

    Giusto perchè è stata citata la nota ditta Straumann… purtroppo ho trovato in rete solo il pdf portoghese del catalogo del 2012 di Straumann, ma penso possa dare a tutti gli utenti non addetti al mestiere una vaga idea:
    http://www.straumann.com.br/news-br-17012012-catalogo-de-produtos-2012.pdf

    se non si dovesse aprire il link, googlate “catalogo straumann 2012”
    Come si può ben vedere a pag 8 del pdf gli impianti partono da un prezzo di 585$ (cioè 449,22 euro con l’attuale tasso di cambio).
    Allora mi chiedo, ed è giusto che tutti si chiedano, come è possibile che i prezzi della stessa ditta siano così bassi sui cataloghi messi a bella posta nelle sale d’attesa dell’Est Europa (così come ci riferisce Gianni) e così elevati sui cataloghi dell’Ovest Europa???? Qui qualcuno mente, chissà chi… agli utenti l’ardua sentenza.

    Morale della favola: sono nel campo dell’Odontoiatria e vorrei dare un consiglio a tutti i pazienti che si pongono giustamente delle domande e sperano di trovare risposta su internet potendo confrontare più fonti. Il mio consiglio è quello di lasciar perdere tutti quei post nei forum vari in cui si fanno affermazioni senza citare delle fonti. Come vedete io vi ho addirittura allegato il link per consultare il catalogo, perchè so di cosa si parla e non ho dubbi in merito. Inoltre il confronto si deve fare tra materiali/strumentario/minuteria/arredo/presidi/riuniti(le famose “poltrone del dentista”) con caratteristiche ESATTAMENTE SOVRAPPONIBILI. Scusate ma spesso si leggono certe cose assurde!!! Si può mai affermare che una cucina Ikea sia uguale ad una di Scavolini??? Paragonereste una qualsiasi Fiat ad una Ferrari??? I fazzoletti monovelo e quelli a 4veli??? NO, NON SI PUò!!! tutti questi prodotti hannocaratteristiche e prestazioni diverse (e quindi anche i prezzi sono diversi). IL CONSIGLIO è QUINDI QUELLO DI RACCOGLIERE INFORMAZIONI ALLA FONTE PER QUANTO PIù è POSSIBILE.

    Inoltre voglio aggiungere un’altra cosa. Forse, giustamente, alcuni non addetti ai lavori non sanno che in Italia c’è un programma ministeriale chiamato Educazione Medica Continua (in sigla ECM) che obbliga medici ed odontoiatri a frequentare annualmente corsi di aggiornamento per garantire ai pazienti l’aggiornamento delle conoscenze scientifiche dei sanitari. Questi corsi però sono tutti a carico dei professionisti che quindi, oltre alle ordinarie spese di gestione dello studio, devono anche provvedere al loro aggiornamento, come è giusto che sia. è inevitabile quindi che questa voce incida nel prezzo finale delle terapie, perchè è giusto che un lavoratore (in questo caso il libero professionista) che ha investito il proprio tempo e il proprio denaro per dare qualcosa in più al paziente abbia anche un compenso adeguato. sarebbe giusto se a scuola dessero a tutti 8, sia a chi studia 2 ore al pomeriggio e poi sta fuori con gli amici fino a tardi, sia a chi studia 6 ore, cena e studia ancora? NO, NON SAREBBE AFFATTO MERITOCRATICO. e visto che in questo Paese si parla tanto di meritocrazia iniziamo ad essere meritocratici proprio con chi studia: pretendiamo di sapere dai professionisti a cui ci rivolgiamo che studi hanno fatto e riconosciamone l’adeguato merito. Solo allora potremo dire: “SI, QUEL DOTTORE/DOTTORESSA è VERAMENTE PIù COMPETENTE E PROFESSIONALE. HA LA MIA FIDUCIA. MERITA PROPRIO CHE SI DICA BENE DI LUI/LEI”.

  20. Gianni ha detto:

    Scusi Stefano anzichè stare qui a farsi la bile grossa come una mela le spiego come fare per vedere ciò che ho scritto.Si proponga come accompagnatore per qualche paziente che và in Croazia,non spenderà niente gli studi Croati pagano il viaggio e l’alloggio oltre che al paziente anche ad un accompagnatore,avrà così modo di constatare di persona se ciò che ho scritto e vero.Quando farà il suo prossimo ordine dalla Straumann si faccia dare anche il catalogo che danno ai Dentisti Croati con i prezzi in Kuna,farà ottimi affari,mi sa che il pollo oltre al paziente italiano è anche il Dentista Italiano che paga oltremodo i materiali.

  21. Mario ha detto:

    Allora qui le chiacchiere stanno a zero e le parole le porta via il vento,quelli che nè parlano male sono i dentisti italiani o chi è del settore invece quelli che parlano bene sono i pazienti che sono stati in Croazia a farsi fare degli interventi MA TUTTO CIO’ SARA’ MICA UNA COINCIDENZA !?!Avete stufato con questo allarmismo e terrorismo psicologico,la storiella che una volta fatti i lavori all’estero e poi vengono da voi a rimediare i danni non regge più casomai sarà l’incontrario la gente stà aprendo gli occhi,LA PACCHIA E’ FINITA e le vostre lobbi stanno vacillando.Vi riporto un dato;nel 2011 ben 25.000 italiani sono andati oltre confine per curarsi i denti e la quota sicuramente salirà nel 2012,ma come dite voi dentisti italiani la qualità dei materiali e la professionalità è molto scadente,io sono stato in Croazia e vi posso assicurare che nelle cliniche ci sono delle attrezzature all’avanguardia e costosissime che in Italia si sognano!Casa al mare,casa in montagna,macchine di lusso,fatture emesse con il contagocce,ascoltate se ancora non avete capito o fate finta di non capire come quando i pazienti vi chiedono la fattura dei lavori da voi fatti:ve lo ripeto LA PACCHIA E’ FINITA !!!

  22. cosima ha detto:

    leggo tanti commenti su queste fantomatiche cliniche dentale in croazia,ma nessono osa farne il nome,è forse vietato?se così non fosse,c’è qualcuno che sappia darmi il nome di una di queste cliniche che sia davvero affidabile

  23. carla ha detto:

    tre anni fa ho messo 25 denti in croazia sono soddisfattissima in italia avrei dovuto vendere la casa per fare questo lavoro,massimo dell igiene appartamento pulito e accogliente,tutto il personale preparato e disponibile su tutto,in Italia tutto questo non esiste, troppi costi ecco perchè poi costi sono allucinanti

  24. Franco ha detto:

    Anch’io mi sono sottoposto ad un intervento in Croazia
    a Rovigno in croato Rovinj. Non ho avuto la necesità
    come Carla di curare 25 denti, ma ho fatto 3 impianti e sono
    soddisfattissimo con la qualità del lavoro eseguito e con l’accoglienza del
    personale. La clinica dispone di un proprio laboratorio
    odontotecnico dove vengono realizzati tutti i tipi di
    protesi. Grazie alla vicinanza dalla mia città (150km) e
    al personale che parla l´italiano fluentemente avevo la sensazione di essere
    in Italia. Cosa dire di più!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *