in Bellezza

Trucco naturale con una corretta idratazione cutanea

idratazione pelleIl gelo siberiano sembra essersi allontanato e la primavera è già alle porte: in questi giorni a livello cutaneo può verificarsi una perdita di elasticità, prurito, stiramento e bruciore. Anche la nostra pelle, come il resto dell’organismo, deve abituarsi agli sbalzi di temperatura e al cambio di stagione. Una corretta idratazione, indispensabile per riequilibrare l’omeostasi (la stabilità fisiologica del corpo), favorisce quest’adattamento. Infatti, come sottolinea la dottoressa Corinna Rigoni, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino , specialista in Dermatologia e Presidente dell’associazione Donne Dermatologhe Italia (DDI), l’idratazione è necessaria per mantenere integre le proprietà plasto-elastiche della pelle, mantenendola morbida, liscia e di bell’aspetto.

Come fare quindi? “L’idratazione della pelle trova la sua genesi nel primo gesto quotidiano che eseguiamo, quando ci spalmiamo sul viso una crema, atto che compiono almeno 6 donne su 10” – spiega la dottoressa Corinna Rigoni – “Un sottile film idrolipidico, Natural Moisturizing Factor, riveste naturalmente lo strato più superficiale della pelle, garantendo una protezione ottimale ed imprigionando l’acqua: l’importanza del Natural Moisturizing Factor è tale che le formulazioni cosmetiche si basano sulla sua composizione ottimale”.

Il ruolo dell’acqua è importante per la cute soprattutto per la sua elasticità e estensibilità. In condizioni di basso contenuto idrico, la cheratina diventa più fragile e distorta, l’attrito tra pelle ed altre superfici aumenta, facilitando la comparsa di fessurazioni, ragadi ed irritazioni: l’ambiente ideale per aggressioni batteriche, virali ed esterne. Secondo quanto riportato dalla letteratura, bere circa 2 litri di acqua al giorno ha effetti benefici sulla fisiologia cutanea ed essi sono riconducibili alle proprietà organolettiche di alcune acque: è quindi consigliabile prestare attenzione non solo alla quantità, ma anche alla qualità della propria idratazione.

Le acque ricche di minerali, in particolare, contengono elementi fondamentali per la nostra pelle: dal ferro, la cui carenza può portare a lenta cicatrizzazione delle ferite, al selenio, importante oligoelemento dall’azione antiossidante, senza dimenticare lo zinco, anche lui antiossidante naturale, componente essenziale di numerosi enzimi.

“L’assunzione di acqua minerale migliora in modo significativo i livelli di idratazione intrinseci cutanei, regolando la perdita di acqua transcutanea (TEWL) ed aumentando morbidezza e levigatezza della cute stessa” conclude la Dott. Rigoni.

Una corretta idratazione può essere quindi definita un atto cosmetico vero e proprio, necessario per migliorare l’aspetto della pelle, anche di soggetti con cute sana, e prevenire i segni e la sintomatologia della secchezza.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *