in Dieta e Alimentazione

Testimonianza di un ex-vegetariano ora convinto carnivoro

vegetariano carneRiportiamo l’interessante punto di vista sul vegetarismo di Tony Saghbiny, un ex-vegetariano libanese che racconta la sua esperienza nel blog personale, toccando tutti gli aspetti, da quelli nutrizionali a quelli più filosofici e religiosi. Ecco un riassunto liberamente tradotto della prima parte, quella più legata alle possibili problematiche di alimentazione. Prossimamente le parti successive.

Ho iniziato a pensare di “convertirmi” al vegetarismo quando avevo 21 anni (intorno al 2007). Io ero (e tuttora sono) profondamente religioso-spirituale, e un ecologista profondo. Ero alla ricerca di nuovi modi per migliorare il mio impegno personale per le mie convinzioni […]
Quando mi sono imbarcato nel mio viaggio, ero solo preoccupato per la questione delle proteine e la vitamina B12, poichè non era stato possibile trovare alternative convincenti in quel momento. Ho detto a me stesso che mi mancavano ancora un sacco di conoscenze e che avrei risolto i dubbi con il tempo, conoscendo più in profondità la dieta vegetariana.[…]
In realtà i benefici alimentari del vegetarismo non sono stati i primi della mia lista di motivi. Stavo leggendo le rivendicazioni che gli esseri umani non sono fatti per digerire la carne, come il vegetarianesimo ci mantiene più sano, e come il consumo di carne distrugge la nostra salute, ma questi “fatti” erano solo un vantaggio, e non la motivazione principale per la mia piccola avventura. Le mie ragioni principali erano spirituali ed ecologiche.
Astenersi da uccidere e mangiare altri animali sembrava essere uno sforzo superiore morale e spirituale. Esplorare nel contempo il Buddismo come una seria alternativa religiosa ha notevolmente rafforzato questo concetto.
Ho iniziato astenendomi dal consumare carne rossa. Poi, dopo un paio di mesi, ho aggiunto il pollo alla mia lista di cibi da non mangiare. Ho eliminato il pesce dopo un altro mese. Dopo alcuni mesi ho cercato di prendere una direzione più vegan per 40 giorni (senza uova, senza latte, senza formaggio … ecc) […]
Con il crescere della mia conoscenza ed esperienza è tuttavia, mi sono allontanato dal vegetarismo. Anche se ho avuto una dieta molto varia ed equilibrata, il mio corpo non ha retto la mia impresa vegetariana. Il primo problema ad apparire fu la carenza di vitamina B12. Non riuscivo a dormire o a concentrarmi bene, mi sentivo stanco maggior parte del tempo, e la mia forza fisica sembrava diminuire ogni giorno. La migliore (e quasi esclusiva) fonte di vitamina B12 si trova nella carne rossa, in particolare del fegato. Alcuni siti web offrono alternative vegetariane, e ne ho provato la maggior parte, ma non era sufficiente. Infine, un esperto nutrizionale mi ha spiegato che l’unica vera alternativa è quella di prendere un integratore di vitamina B12. Questo per me non era un’opzione di scelta: avere una pillola chimica prodotta all’estero non è così ecologico rispetto a mangiare in loco […]
Ho cercato e provato molte soluzioni, ma nessuna ha funzionato. Ho letto di quei grandi atleti che sono vegetariani, per scoprire poi che prendono più integratori di quelli che ogni persona media può permettersi.
Come se non bastasse, il mio corpo ha iniziato a mostrare sintomi di altre carenze in vitamina A, ferro e zinco. I miei capelli hanno cominciato a diminuire a un ritmo più veloce, il mio sistema immunitario si è indebolito nella misura in cui ho avuto l’influenza quasi una volta al mese (contro una o due volte l’anno).

Sono stato di fronte alla scelta di assumere vitamine e integratori proteici per il resto della mia vita, o lasciare il vegetarianismo. In quel momento ho iniziato a scavare le rivendicazioni ecologiche e spirituali del vegetarianismo con occhi critici, e quello che ho trovato sotto la superficie è in contrasto con quello che ho incontrato all’inizio della mia ricerca. Inutile dire che ho scelto di finire il mio esperimento vegetariano, ma l’intuizione che ho guadagnato è valsa tutti i problemi passati.

One Comment

  1. Andrea 22 agosto 2012

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *