in Salute

Testamento biologico: il 30/1 prevista la discussione sulla proposta di legge

testamento biologicoCi sono tematiche poco approfondite dai media come la legalizzazione dell’eutanasia, il testamento biologico, l’eliminazione delle barriere architettoniche, la fecondazione assistita,…
L‘Associazione Coscioni (intitolata al docente universitario malato di sclerosi laterale amiotrofica, che ottenne il sostegno di 100 Premi Nobel di tutto il mondo a favore della ricerca sulle cellule staminali embrionali) si impegna in questo senso nella difesa della libertà scientifica e delle libertà Civili dei cittadini in tutte le fasi della loro vita.

La Conferenza dei Capigruppo della Camera dei Deputati ha fissato per il 30 gennaio la discussione sulla proposta di legge in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento.
Dopo oltre 3 anni dal deposito della proposta di legge di iniziativa popolare dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà scientifica, il Parlamento compie dunque un altro passo importante verso l’obiettivo per cui si batte ALC, il riconoscimento ufficiale del diritto di scegliere come e quando terminare la propria vita e interrompere la propria sofferenza. Un diritto degli italiani – richiesto dal 77% secondo una recente indagine SWG – che non deve essere riconosciuto esclusivamente a chi è cosciente o a chi è attaccato a una macchina, escludendo molti altri malati terminali, ma che deve essere universalmente riconosciuto grazie alla legalizzazione del testamento biologico.

“Questa decisione rappresenta un passo avanti di grande importanza verso l’affermazione del diritto all’autodeterminazione anche nelle scelte di fine-vita. Il testo della relatrice Donata Lenzi è infatti una buona base di discussione, che potrà essere ulteriormente migliorata in Commissione grazie ad emendamenti che esplicitino la legittimità della pratica della sedazione profonda e continua per i malati terminali”, Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni per la ricerca scientifica e promotore della campagna Eutanasia legale.

“Se la Camera dei Deputati riuscirà a mantenere il calendario attualmente previsto, discutendo il 30 gennaio e votando il 31 gennaio, ci saranno le condizioni per approvare il testo anche al Senato e per arrivare a una buona legge prima delle fine della legislatura. Come Associazione Luca Coscioni ed Eutanasia legale ci impegneremo per tale obiettivo, proseguendo in particolare l’azione di supporto a tutti i cittadini che cercano di far valere il proprio diritto costituzionale all’autodeterminazione, anche in materia di interruzione delle terapie”, conclude Cappato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *