in Psicologia

Tagesmutter: mamma di professione

tagesmutterTagesmutter è un termine che deriva dal tedesco e significa letteralmente “mamme di giorno”. Si tratta di madri pronte ad accogliere nelle proprie case i piccoli dai zero ai tre anni di altre famiglie, tipicamente durante gli impegni lavorativi dei genitori, durante le serate ed i weekend. Nel corso delle vacanze alcune tagesmutter si spingono ad ospitare anche ragazzi fino a 14 anni.

Non si tratta solo di un’evoluzione moderna della baby sitter, o meglio della antica “balia”, ma anche di una figura professionale alternativa ai costosi asili pubblici e privati. In realtà non si parla di un modello assolutamente nuovo: nelle città del Nord Europa è già diffuso da oltre quarant’anni ma per l’Italia è quasi una novità, tranne in Trentino, dove la professione riscuote già da tempo un certo successo.

Ogni tagesmutter può accogliere in genere nella propria casa al massimo cinque bambini in maniera continuativa. Le mamme che vogliono affrontare questa professione spesso si uniscono in cooperative che, data l’indubbia utilità sociale del servizio offerto, non faticano ad ottenere anche sovvenzioni pubbliche.

Al momento non c’è una regolamentazione precisa degli asili a domicilio basati sulla figura della tagesmutter. Quel che è certo è che non è necessario avere una laurea in scienza della formazione: possono essere utili invece corsi formativi sovvenzionati da comuni o esperienze presso tagesmutter già attive.
La formazione è importante per comprendere al meglio i bimbi ed accompagnarli ed accudirli per il tempo in cui vengono affidati: è bene infatti conoscere tutte le pratiche necessarie e i risvolti psicologici che sono sottesi ai rapporti tra adulti e bambini.
Le mamme che hanno poco tempo per rispettare le cadenze e gli obblighi di un’aula possono optare per corsi formativi a distanza: quello di assistente all’infanzia del Centro Europeo di Formazione DeAgostini, ad esempio, assicura una buona qualità dei contenuti e prospetta anche possibilità di stage presso strutture private nell’ambito dell’educazione infantile.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *