in Dieta e Alimentazione

Spreco alimentare: le iniziative per combatterlo

spreco alimentare iniziativeLa Fao ha calcolato che ogni anno sono 1,3 i miliardi di tonnellate di cibo buttato via in tutto il mondo. Numeri impressionanti che invitano a riflettere tutti sul nostro comportamento nei confronti del cibo.
Finalmente qualcosa si sta muovendo per combattere lo spreco alimentare: è recente l’approvazione della proposta di legge che semplifica la vita a chi (aziende e cittadini) voglia donare gli alimenti in eccedenza agli indigenti. Il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina è soddisfatto e la ritiene “la più bella eredità del dopo Expo”. I Comuni potranno ridurre la Tari, la famigerata tassa sui rifiuti, a coloro che donano il cibo alle onlus, anche se chi non lo fa non riceve alcuna sanzione, al contrario di quanto avviene all’estero. Quest’ultimo sarebbe un buon deterrente, che arriva laddove non arriva il buon senso.

Queste iniziative erano già diffuse nelle catene della grande distribuzione, meno tra i piccoli commercianti, che possono aderirvi senza dover passare sotto le maglie della burocrazia lenta. Le derrate avanzate così avranno una seconda vita e daranno ristoro a chi non mette insieme il pranzo con la cena. Inoltre ci sono delle app che si occupano di come ridurre lo spreco alimentare. Last Minute Sotto Casa ad esempio. Si tratta di una piattaforma che segnala le offerte del cibo in scadenza ed invenduto nei piccoli punti vendita. Così le famiglie possono accedere ad alimenti a prezzo scontato, il commerciante può vendere le rimanenze e il pianeta evita di essere sovraccaricato di ulteriori rifiuti da smaltire.

All’estero esistono frigoriferi sociali, per la strada, che consentono a chiunque di prendere a lasciare alimenti. In Inghilterra prende il nome di sharing fridge e nei Paesi Baschi spagnoli di nevera solidaria. Sono segnali che qualcosa sta cambiando a favore di uno stile di vita più sostenibile e consapevole. Ci auguriamo che si proceda in questa direzione e che tutti noi ogni giorno facciamo scelte che rispettino l’ambiente ed il senso civico.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *