in Psicologia

Siti pro ana: un problema da affrontare fino in fondo

E’ ancora allarme anoressia su internet: sono almeno trentamila i siti, compresi blog e forum, che esaltano la magrezza estrema. Intanto i casi di anoressia sono in continuo aumento: si registra un incremento di novemila all’anno.
I siti pro-ana parlano di “perfezione”, di “filosofia di vita” esaltando il digiuno in tutte le sue forme e spesso condiscono il tutto con foto di donne pelle ed ossa, consigli per imparare a vomitare senza sforzo, esaltazione di modelle anoressiche e un po’ maledette, in stile Kate Moss.

Spesso adolescenti, i blogger e i frequentatori di forum pro ana, si scambiano le dritte per ingannare i genitori e fare finta di mangiare senza che nessuno si accorga del digiuno. Le frasi che aprono questi siti lasciano veramente impressionati e sottolineano il risvolto prettamente psichico dell’anoressia e la chiusura al mondo che essa provoca. Dal lume di speranza ancora presente in sentenze del tipo “eppure per ora non ho altro modo di liberarmi di tutto il male che ho dentro” alla costruzione di un pericoloso muro espressa con “se non condividete questa filosofia siete gentilmente pregati di abbandonare immediatamente il blog”. Ma forse proprio dietro queste dichiarazioni scritte su internet, apparentemente di un egoismo e ripiegamento supremo ma pur sempre visibili a tutti, si nasconde un grido d’aiuto che psicologi e nutrizionisti non possono fare a meno di cogliere.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *