in Dieta e Alimentazione

Semplici regole dietetiche per combattere l’ipertensione

ipertensionePer combattere l’ipertensione senza arrivare alla terapia farmacologica, bisogna adottare delle semplici regole dietetiche e comportamentali.
Prima di tutto bisogna ridurre il sale da cucina nelle preparazione dei pasti. Gli esperti consigliano di non superare i due grammi al giorno per chi soffre di pressione alta. Ideale sarebbe abituare il palato al sapore insipido, e non utilizzare il sale come condimento. Il quantitativo che ci serve è già contenuto negli alimenti, quindi quello che mettiamo noi è in eccesso.
La biochimica ci insegna anche che il sodio ha dei legami particolari con il potassio. Quest’ultimo al contrario del sodio, riduce la pressione arteriosa. Sarebbe quindi, buona abitudine incrementare nei pasti la dose di potassio, che comunemente troviamo nella frutta e verdura. Un consiglio per non disperdere i minerali durante la cottura delle verdure è quello di cuocerli con pochissima acqua, altrimenti andremmo a perdere i sali minerali tramite il famoso fenomeno chiamato “osmosi” (i sali minerali, come il potassio, contenuto nella verdura, esce dalle membrane cellulari per andare nell’acqua per stabilire un certo equilibrio). Gli alimenti più ricchi di potassio, che possono aiutare a contrastare l’ipertensione, sono
– Funghi secchi (2846 mg/100g)
– Fagioli secchi (1287 mg/100g)
– Castagne fresche (960 mg/100g)
– Ceci (854 mg/100g)
– Lenticchie (737 mg/100g)
– Patate (570 mg/100g)
– Spinaci ( 531 mg/100g)
– Bieta (460 mg/100g)
– Cavolo, invidia ( 380 mg/100g)
Infine per tenere sotto controllo la pressione nei limiti accettabili, bisogna mantenere un giusto peso, quindi assolutamente no al sovrappeso e obesità. Di conseguenza bisogna eliminare anche tutte le cattive abitudini che portano a queste condizioni di chili in più, quindi no all’alcool e assolutamente no alla vita sedentaria.
Ovviamente i grassi saturi, quali burro, strutto e solitamente tutti quelli di origine animale, solidi a temperatura ambiente, andrebbero eliminati o ridotti al massimo e sostituiti con il buon l’olio extravergine d’oliva (grasso insaturo ricco di proprietà benefiche).

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *