in Salute

Salbutamolo: beta-2 agonista contro l’asma

salbutamoloIl salbutamolo è un beta-2 agonista, di solito viene utilizzato la cura dell’asma sotto forma di preparati da inalare, come il celebre Ventolin. In base al dosaggio e al tipo di somministrazione, può anche avere anche effetti stimolanti e anabolizzanti, quindi è considerato una sostanza dopante, il suo utilizzo è consentito solamente se somministrato per via inalatoria allo scopo di prevenire e/o curare l’asma non sportiva e l’asma o broncorestrizione indotte da esercizio; ovviamente in questi casi è richiesta una notifica medica per uso terapeutico per l’esenzione dal controllo antidoping.

Escludendo gli atleti asmatici, per i quali il salbutamolo ha effetti positivi nei confronti dell’aggiustamento dell’apparato respiratorio allo sforzo, per gli altri atleti esistono poche ricerche sull’utilizzo di salbutamolo, quindi di effetti dimostrati ve ne sono ben pochi, al massimo un miglioramento delle prestazioni di lieve entità, comunque i dati attualmente disponibili sono ancora pochi. Da questo possiamo dire che il suo utilizzo per gli atleti è del tutto inutile. Il suo utilizzo sia per via orale che endovenosa endovenosa può invece risultare pericoloso per diversi motivi; visto che attualmente non si conoscono gli effetti collaterali e da sovradosaggio a lungo termine; l’atleta si potrebbe esporre a rischi per la propria salute anche gravi. Essendo un beta-2 agonista, può presentare alcuni degli effetti nocivi degli stimolanti, come anche avendo proprietà anabolizzanti, si può andare incontro gli stessi effetti nocivi degli anabolizzanti. Da quanto visto possiamo dire che il suo uso è del tutto irresponsabile senza un accurata valutazione di un medico.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *