in Salute

Progetti di ricerca sulla fertilità: un’italiana tra i vincitori

fertilitàMerck Serono S.A annuncia i progetti vincitori della seconda edizione del “Grant for Fertility Innovation” (GFI). L’azienda ha assegnato fino ad 1 milione di euro a 5 progetti di ricerca innovativi con lo stesso obiettivo: aumentare le possibilità per le coppie di concepire un figlio. Il programma “Grant for Fertility Innovation” è stato sviluppato da Merck Serono per supportare il progresso della scienza medica nel campo della fertilità.

“Siamo lieti di rinnovare il successo del “Grant for Fertility Innovation”, che era stato lanciato lo scorso anno. Questa iniziativa rappresenta un impegno senza precedenti di Merck Serono per incoraggiare il pensiero innovativo tra la comunità scientifica nell’area della fertilità”, afferma il Dottor Bharat Tewarie, Vice Presidente Senior della Global Business Unit Fertility and Metabolic Endocrinology di Merck Serono. “Oggi, siamo orgogliosi di assegnare i premi ai cinque progetti maggiormente innovativi che hanno dimostrato un potenziale di sviluppo di nuove applicazioni per consentire ai medici di migliorare le possibilità di successo nei pazienti. Continueremo a promuovere l’innovazione nell’ambito della fertilità da parte di terzi, offrendo un nuovo premio anche il prossimo anno.Quest’anno, abbiamo ricevuto 55 domande di partecipazione da 14 paesi in tutto il mondo. I progetti sono stati selezionati da una commissione scientifica composta da esperti di fertilità. Ciascuna domanda è stata valutata in cieco sulla base di cinque criteri: capacità di favorire l’incremento delle possibilità di concepimento, innovazione, razionale scientifico, fattibilità e utilità pratica”.

I vincitori sono stati annunciati durante una cerimonia tenutasi nell’ambito del 27esimo incontro annuale della Società Europea di Riproduzione ed Embriologia Umana (ESHRE), in presenza del Dott. Alan Trounson, Presidente dell’Istituto per la Medicina Rigenerativa della California – San Francisco e del Dott. Dagan Wells, Co-Direttore Scientifico in Genetica della Riproduzione al Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia di Nuffield, Università di Oxford. Il Dott. Dagan Wells è stato tra i premiati del GFI del 2010.

Ecco i premiati di quast’anno.

Prof. Henrique Almeida, Faculdade de Medicina do Porto, FMUP (Oporto, Portogallo) e Prof João Luis Silva-Carvalho, Faculdade de Medicina do Porto, FMUP Centro de Estudo e Tratamento de Infertilidade, CETI, (Oporto, Portogallo).

Progetto: Utilizzo dei biomarcatori nelle cellule del cumulo ooforo umano per migliorare la selezione degli ovociti e i risultati nelle Tecniche di Riproduzione Assistita (Assisted Reproductive Technology – ART). 

Prof. Nick Macklon, Professor of Obstetrics and Gynaecology, Division of   Developmental Origins of Adult Diseases (DOHaD), University of Southampton, Southampton, Regno Unito e Prof. Bart CJM Fauser, Chair, Division Woman & Baby University Medical Center, Utrecht, Olanda.

Progetto: Profilo dell’espressione genica endometriale associata al fallimento ricorrente dell’impianto.

Dott.ssa Paola Scaruffi, Centro di Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, Ospedale San Martino, Genova, Italia.

Progetto: Test del DNA libero come biomarcatore non invasivo per la valutazione della vitalità degli embrioni.

Dott. Roberto Matorras, Department of Obstetrics and Gynaecology, Hospital from Cruces, País Vasco University, Baracaldo, Vizcaya, Spagna

Progetto: Proteomica del fluido endometriale per valutare la recettività uterina

Dott.ssa Séverine Le Gac Assistant Professor, University of Twente, Olanda e Prof. C.B. (Nils) Lambalk, Professor, Division of Reproductive Medicine, Department of Obstetrics/Gynaecology VU University Medical Center, Amsterdam, Olanda.

Progetto: Laboratorio relativo ad un Chip e all’utilizzo di biomarcatori per la valutazione della vitalità dell’embrione

Il finanziamento di ogni progetto dipende dal raggiungimento di risultati specifici e predeterminati. Ulteriori dettagli sui cinque progetti di ricerca ed informazioni relative alla presentazione delle domande di partecipazione all’edizione 2012 sono disponibili sul sito web del “Grant for Fertility Innovation”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *