in Sessualità

La ricerca sulla disfunzione erettile

disfunzione erettileLa ricerca sulla disfunzione erettile si concentra su un fenomeno molto diffuso ma di cui si parla poco per l’imbarazzo di affrontare il problema. Spesso indicata con il termine improprio di “impotenza”, la disfunzione erettile consiste nell’incapacità di raggiungere e mantenere un’erezione sufficientemente valida e a lungo per avere un rapporto sessuale soddisfacente. Le cause di questa patologia, da cui parte  la ricerca sulla disfunzione erettile, possono essere molteplici e si distinguono in psicogene (come l’ansia), endocrine (per una riduzione del testosterone), neurogene (ad esempio in caso di sclerosi multipla), vascolari (arteriose e venose), farmacologiche (nel caso ad esempio di uso di sedativi), chirurgiche, radioterapiche e condizioni predisponesti, come ad esempio l’essere fumatori.
Da anni le divisioni farmaceutiche sono fortemente impegnate nella ricerca sulla disfunzione erettile, nella quale hanno ottenuto ottimi risultati. A tale ricerca farmaceutica consegue il naturale sviluppo di nuove terapie, per questo problema che colpisce nel mondo più di 150 milioni di persone (e si stima che nel 2025 saranno oltre 320 milioni). La ricerca sulla disfunzione erettile ha la finalità di risolvere una patologia molto diffusa che si riflette sulla qualità della vita del singolo individuo e della coppia ed è alla base di tutti gli esami e delle terapie per affrontare questa patologia.
Per quanto riguarda gli esami, è importante prima di tutto capire l’origine del problema, se organica, psicologica o mista. Rivolgendosi ad un uro-andrologo, il primo approccio è di tipo diagnostico, dopo di che si passa ad un esame obiettivo e la prescrizione di una serie di analisi di laboratorio, per escludere il concorso di altre malattie. Una volta individuata l’origine del problema, è possibile scegliere la cura più adatta alle esigenze del paziente e della sua partner. Non esiste una terapia universalmente valida: farmaci come , Cialis e Viagra, hanno portato un buon ausilio. Attualmente la disponibilità di cure per la disfunzione erettile contempla anche dispositivi meccanici e interventi chirurgici.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *