in Salute

Rene, giornata mondiale con focus sulla prevenzione dall’infanzia

giornata mondiale del reneOggi celebriamo la 11esima edizione della Giornata Mondiale del Rene (GMR), un’iniziativa organizzata dalla Società Internazionale di Nefrologia (International Society of Nephrology –ISN) e dalla Federazione Internazionale delle Fondazioni del Rene (International Federazione of Kidney Foundations–IFKF).
Il tema di quest’anno “Malattie Renali e Bambini” ci ricorda che è fondamentale prendersi cura dei propri reni già dall’infanzia e che molte delle malattie renali negli adulti iniziano già in età infantile.
Con il 10% della popolazione mondiale che soffre di una qualche forma di malattia renale, la strada della sensibilizzazione sui pericoli delle malattie renali è ancora lunga. Recenti statistiche dimostrano che le malattie renali croniche cresceranno del 17% nella prossima decade e sono state riconosciute dall’OMS e da altre organizzazioni internazionali come problema di salute globale.
Le malattie renali croniche colpiscono milioni di persone in tutto il mondo, tra cui molti bambini. Alcuni bambini nascono già affetti da malattia renale mentre altri la sviluppano già da molto piccoli. I sintomi delle malattie renali nei bambini spesso non sono specifici e quindi c’è il rischio che non vengano diagnosticati.
La causa maggiore di insufficienza renale nell’infanzia sono condizioni ereditarie, che spesso mancano di indicatori ovvi quali ematuria (globuli rossi nelle urine), ipertensione (pressione sanguigna alta) o edema (gonfiore).
Inoltre, le malattie renali che diventano evidenti in età adulta possono occorrere spesso in persone che presentano fattori di rischio individuabili nell’infanzia.
È quindi fondamentale incoraggiare e facilitare l’educazione, la diagnosi precoce e uno stile di vita sano per combattere l’aumento delle malattie renali prevenibili, come l’insufficienza renale acuta, e per curare bambini con disturbi renali congeniti e acquisiti.
La Dott.essa Julie Ingelfinger, professoressa di pediatria all’Harvard Medical School e Senior Consultant in nefrologia pediatrica al MassGeneral Hospital for Children, sottolinea l’importanza della sensibilizzazione alle malattie renali e la prevenzione in gioventù: “Essere consapevoli e individuare le malattie renali nei bambini è importante. Le malattie renali possono essere trattate, anche nei pazienti più giovani. Inoltre, poiché molte delle malattie renali degli adulti hanno radici nell’infanzia, focalizzarsi sull’infanzia è cruciale, se vogliamo prevenire e curare le malattie dei reni”.
Durante la Giornata Mondiale del rene, muovi i piedi! Mantenersi in forma e attivi riduce il rischio di pressione alta e obesità, due delle cause principali che portano allo sviluppo di malattie renali.
È per questo che fino al 10 Marzo e anche dopo vogliamo incoraggiare tutte le persone, politici e decision–makers, ministri della salute, medici e pazienti a muovere i piedi per mantenere sani i loro reni.
Questo gesto serve a ricordare a tutti che un esercizio fisico regolare e attività fisica aiutano a ridurre il rischio di sviluppare malattie renali. Muoversi e muovere i piedi è un’azione semplice ma forte che crea un collegamento tra la salute e la nostra routine giornaliera.
Sulla scia del grande successo della campagna GMR degli ultimi anni, che ha visto piu’ di 560 eventi organizzati in piu’ di 90 paesi e 50 milioni di persone che hanno parlato della GMR per mezzo dell’ hashtag #worldkidneyday solo nel 2015, chiediamo alla nostra comunità di condividere le loro attività, messaggi e foto on-line e partecipare nella lotta contro le malattie renali.
Maggiori informazioni e dettagli sulla Giornata Mondiale del Rene nel mondo possono essere trovati al seguente indirizzo: www.worldkidneyday.org
I partecipanti possono inviare messaggi e fotografie, usando #moveyourfeet4WKD.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *