in Salute

Piedi gonfi: i rimedi che funzionano

piedi gonfi rimediI piedi sono la parte del corpo più trascurata e solo quando abbiamo dei problemi riusciamo a comprendere davvero la loro importanza.
Non solo sostengono tutto il peso e consentono di camminare ma hanno anche altri compiti: gestiscono il ritorno venoso del sangue e della circolazione linfatica dal basso verso l’alto.
Rappresentano il nostro secondo cuore ed, in caso di appoggio difettoso, determinano un sovraccarico alle ginocchia e deformazioni patologiche del rachide vertebrale.

Anche le calzature sbagliate possono provocare seri danni ai nostri piedi, che di conseguenza non svolgono le loro funzioni, come dovrebbero se fossero davvero in salute.
Quindi il risultato sono gambe e piedi gonfi, ciò é dovuto al ristagno dei liquidi negli arti inferiori e nelle caviglie. Magari soffriamo di una di queste problematiche e non ne siamo a conoscenza proprio perché non abbiamo neanche i giusti strumenti e le competenze per capire quanto siano fondamentali nello stato di benessere generale del corpo. Altrimenti non adottiamo le giuste precauzioni per garantire ai nostri piedi le giuste premure.

Mai sentito parlare della riflessologia plantare? E’ una terapia olistica complementare (e non alternativa) alla medicina convenzionale che lavora attraverso il massaggio dei piedi per prevenire e curare diverse patologie. E’ basata sulla presenza nel piede di terminazioni nervose che, va a stimolare per mandare al cervello e agli altri organi gli imput per trarre benefici. E’ una pratica interessante, da approfondire.

Insomma, bisogna prendersi cura dei piedi, prima di tutto scegliendo le scarpe giuste, senza farsi condizionare solo dall’estetica della calzatura. La scarpa deve anche essere confortevole. Purtroppo noi donne dobbiamo metterci il cuore in pace e trovare il compromesso che fa felice il piede, oltre alla vista.
Inoltre occorre dedicargli le giuste attenzioni e ogni tanto coccolarli.
A questo proposito consiglio l’idromassaggio plantare che consiste in una pedana per piedi che stimola la circolazione del sangue e combatte il gonfiore delle gambe, dando una sensazione di relax.
Ho provato un dispositivo massaggiante dall’estetista e devo dire che mi sono trovata molto bene. Ecco i vantaggi di questi massaggiatori elettrici:
– Contribuiscono a rivitalizzare e rilassare le gambe con un’azione decontratturante.
– Hanno livelli di intensità regolabili
– Fanno un massaggio piacevole che viene amplificato dal pediluvio
– Allentano la tensione nervosa e le tossine che si accumulano nei piedi
Quindi suggerisco di ritagliarsi un momento tutto per sé almeno una volta a settimana per staccare la spina e restituire ai piedi il giusto sollievo. Ve ne suggerisco due:
Redstone Circulation Machine e Massaggiatore Plantare Shiatsu Deluxe di Homedics
Il primo è più caro, ma ha più funzionalità e programmi, mentre il secondo è più spartano, però ha comunque 18 nodi rotanti, produce calore lenitivo e ha oltre 70 recensioni, quasi tutte positive.

Infine condivido con voi le belle parole dello scrittore Erri De Luca che ha composto un elogio ai piedi:

Perché sono lontani dalla testa.
Perché conoscono il suolo, le spine, i serpenti, l’aspro e lo sdrucciolo.
Perché sono tutto l’equilibrio.
Perché sono la superficie che spetta quando si sta in una folla e si sopporta un gomito altrui in una costola, un braccio sotto al naso, una cartella nell’addome, ma non si permette a nessuno di calpestarceli.
Perché sono il minimo e inviolabile confine.
Perché reggono l’intero peso.
Perché sanno tenersi su appoggi e appigli minimi.
Perché sanno correre sugli scogli e neanche i cavalli lo sanno fare.
Perché portano via.
Perché sono la parte più prigioniera di un corpo incarcerato.
E chi esce dopo molti anni deve imparare di nuovo a camminare in linea retta.
Perché sanno saltare, e non è colpa loro se più in alto nello scheletro non ci sono ali.
Perché scalzi sono belli.
Perché sanno piantarsi nel mezzo delle strade come muli e fare una siepe davanti al cancello di una fabbrica.
Perché sanno giocare con la palla e sanno nuotare.
Perché per qualche popolo pratico erano unità di misura.
Perché quelli di donna facevano friggere i versi di Puskin.
Perché gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante.
Perché sanno pregare dondolandosi davanti a un muro o ripiegati indietro da un inginocchiatoio.
Perché mai capirò come fanno a correre contando su un appoggio solo.
Perché sono allegri e sanno ballare il meraviglioso tango, il croccante tip tap, la ruffiana tarantella.
Perché non sanno accusare e non impugnano armi.
Perché sono stati crocefissi.
Perché anche quando si vorrebbe assestarli nel sedere a qualcuno, viene scrupolo che il bersaglio non meriti l’appoggio.
Perché come le capre amano il sale.
Perché non hanno fretta di nascere, però poi quando arriva il punto di morire scalciano in nome del corpo contro la morte.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *