in Salute

Novembre, mese della prevenzione del diabete

Manca ormai diabete prevenzionepoco a Novembre, il mese della prevenzione del diabete; non vogliamo che se ne parli solo sporadicamente nelle giornate dedicate e mai più, bensì cerchiamo nel nostro piccolo di dare informazioni relative alla prevenzione, alla salute e al benessere.
Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di un’elevata concentrazione di glucosio nel sangue (iperglicemia), a sua volta causata da un’alterata quantità o funzione dell’insulina. L’insulina, ormone prodotto dal pancreas, consente al glucosio l’ingresso nelle cellule e il suo conseguente utilizzo come fonte energetica. Quando questo meccanismo è alterato, il glucosio si accumula nel circolo sanguigno.
Ciò comporta il rischio di gravi complicanze a cuore, reni, occhi, quando non è tenuto adeguatamente sotto controllo ed inoltre provoca un disagio che può essere definito come il peso psicologico che il malato percepisce perché si trova a dover gestire una patologia che è cronica.

Questa malattia è in continuo aumento, è una vera e propria emergenza socio-sanitaria mondiale. In Italia, 4 persone su 100 sono diabetiche e altre 2 non sanno di esserlo. Le previsioni per il 2025 parlano di un aumento incredibile dei casi, soprattutto legati all’obesità.
Il rischio di svilupparlo aumenta progressivamente con l’età, in particolare a partire dai 45 anni, e riguarda specialmente alcune categorie: parenti di primo grado di persone con diabete, persone obese e sedentarie, soggetti ipertesi.
La prevenzione si basa su uno stile di vita corretto e sull’importanza di fare una vita attiva, praticando esercizio fisico.

Un piccolo contributo per chi ne soffre e per chi vuole prevenirlo arriva anche dagli strumenti digitali: è online il portale www.dedicatialdiabete.it, sito web ricco di informazioni e linee guida sul corretto stile di vita, e un’applicazione mobile per il monitoraggio del fabbisogno nutrizionale giornaliero, La Dolce Vita 2.0, che sarà resa disponibile gratuitamente in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, il 14 novembre.
Ricordiamo che lo stile di vita è decisivo in un’ottica di prevenzione o di corretta gestione delle patologie metaboliche.

Giovani e meno giovani hanno spesso cattive abitudini alimentari, frequentando con sempre più frequenza fast food e consumando pasti in modo disordinato davanti al televisore e navigando sul Web: ciò rende i teenagers più predisposti a una serie di problemi di salute, compresa l’obesità e il diabete.

L’educazione alimentare è invece di primaria importanza e affinchè sia davvero efficace è necessario adottare un approccio concreto, fornendo indicazioni facilmente attuabili nella vita quotidiana e comunicando con i giovani con il loro stesso “linguaggio” e gli strumenti che ormai usano quotidianamente. L’App La DolceVita 2.0 risponde proprio a questa esigenza, ponendosi al fianco del paziente nella gestione quotidiana del piano dietetico stabilito con il medico.
Infatti l’App consente all’utente di determinare il fabbisogno giornaliero di kcalorie, carboidrati, grassi (saturi e insaturi) e proteine consigliati in un regime di prevenzione e gestione del diabete, nonché di tenere sotto controllo il rapporto tra kcalorie introdotte e bruciate e monitorare l’andamento glicemico in relazione ai pasti ingeriti. In caso di incertezze sui valori nutrizionali di alimenti e pietanze sarà anche possibile consultare uno specialista per una risposta on line.

L’Ospedale San Raffaele di Milano inaugura oggi 27 ottobre un nuovo polo per ricerche dedicato alla prevenzione e alla cura del diabete, in particolare del diabete di tipo 1, proprio quello che colpisce bambini e adolescenti.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *