in Salute

Meningite: presto le linee guida del Ministro Lorenzin

meningiteI recenti casi di meningite hanno trovato vasta eco nei media e suscitato una forte preoccupazione in una parte della cittadinanza. Confermando che il numero dei casi osservati non si discosta significativamente dall’atteso, cioè da quanto accade ogni anno, la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) ha ritenuto tuttavia necessario dedicare una giornata di studio e discussione alla malattia meningococcica invasiva (MMI), coinvolgendo i Primari di malattie infettive d’Italia.

Sono stati quindi convocati per martedì 7 febbraio, dalle ore 10:30 alle 17, gli “Stati generali SIMIT sulla meningite”, con la presenza del Ministro Beatrice Lorenzin e dei principali specialisti in Italia. La giornata di studio avrà sede presso il Ministero della Salute (Via Ribotta, 5 – Roma) e si articolerà in brevi presentazioni dei dati aggiornati, corredati da domande su tutti i punti critici alle quali verrà risposto mediante la formulazione di raccomandazioni da approvare e condividere.

Il documento risultante verrà diffuso a cura di SIMIT (con le modalità già sperimentate per le linee guida sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione da HIV-1) e pubblicato su una rivista scientifica internazionale.

“Avvertendo la necessità di condividere le strategie di prevenzione, diagnosi e cura della MMI, con riferimento alle linee guida internazionali e ai contributi degli Esperti, SIMIT, in collaborazione con la Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, promuove la stesura di un “position paper” – dichiara il Prof. Massimo Galli, Vicepresidente SIMIT, Professore Ordinario di Malattie Infettive all’Università di Milano – contenente le raccomandazioni sui comportamenti da seguire nella gestione di diagnosi e cura di questa malattia e la sintesi dei più recenti dati epidemiologici. Ci si propone inoltre di considerare i dati riferiti al comportamento e alla diffusione del ceppo C: ST-11 (cc11) in Toscana, e di promuovere un confronto e uno scambio di informazioni sulle strategie vaccinali proposte nelle Regioni e sull’applicazione del Piano Nazionale sui Vaccini recentemente licenziato, anche in considerazione del ruolo degli Ospedali ed in particolare delle Unità Operative di malattie infettive nella prescrizione e somministrazione di vaccini a popolazioni selezionate di pazienti”.

Con questa iniziativa, SIMIT confida di poter contribuire a chiarire punti oscuri o non ancora definiti sulla gestione e prevenzione della malattia meningococcica invasiva e di fornire a tutti i propri associati e a tutti i Medici e gli Operatori Sanitari italiani un utile strumento di lavoro.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *