in Salute

Luc Montagnier: orizzonti di formazione a distanza per medici

luc montagnier nobel“La formazione a distanza per i medici, attraverso nuovi mezzi, è la tendenza del futuro”. Con questa frase pronunciata recentemente all’Adnkronos Salute a Milano, il premio Nobel per la medicina Luc Montagnier ha conferito una dignità spesso negata alla formazione a distanza anche nel campo sanitario. Si tratta del parere autorevole di uno scienziato che sa guardare lontano, oltre i luoghi comuni.

Certamente sostenere che la formazione a distanza è possibile ed utile ai medici significa infrangere alcuni tabù a riguardo di questa modalità educativa che soprattutto in Italia è oggetto di pregiudizi difficili da scalfire. Eppure le opportunità non mancano: ad esempio Doctor’s Life, il canale televisivo edito dall’Adnkronos Salute e visibile sulla piattaforma Sky o sul sito ufficiale. Queste novità sono un passo ulteriore rispetto a corsi attinenti alle professioni di ambito sociale e sanitario che esistono già da qualche tempo, come quelli del Centro Europeo di Formazione , che forniscono competenze relative a figure come l’operatore socio assistenziale o l’assistente alla poltrona.
Questi casi sono simbolo di una possibilità di adeguamento delle modalità di formazione tradizionali ai nuovi mezzi che il progresso mette a disposizione.

Luc Montagnier prevede addirittura la possibilità futura di curare a distanza: forse sotto questo aspetto è particolarmente visionario, ma la principale qualità di un premio Nobel ha non è quella di mostrare i gradi di cui è stato insignito nel passato bensì quello di additare nuove vie per il futuro.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *