in Dieta e Alimentazione

L’importanza di mangiare vegetariano almeno due volte a settimana

alimentazione vegetarianaQuante persone son vegetariane per motivi etici, religiosi o tanti altri ancora? Fanno bene o fanno male?
Oggi vi parlerò dei benefici di seguire una dieta vegetariana almeno 2 pasti a settimana, anche per le persone che amano la carne e/o il pesce.
Prima di tutto spieghiamo meglio cosa significa essere “vegetariano”. Lo sono quelle persone che seguono una dieta priva di carne e pesce. Mentre i “vegani” sono coloro che eliminano dalle loro abitudini alimentari anche le uova e tutti i derivati degli animali, quindi anche formaggi e latte.
Secondo recenti studi, si può affermare che mangiare 1 giorno a settimana vegetariano è un tocca sana per la nostra salute. Perché?
Partiamo dalle proteine, le macromolecole che costruiscono i nostri tessuti, come i muscoli. Nella dieta ne mangiamo spesso il doppio di quelle che abbiamo effettivamente bisogno, mentre gli esperti consigliano per le persone sane, 1g al dì per peso corporeo. Le proteine vegetali (quelle che troviamo nei legumi per esempio) se accoppiate con pasta o pane, coprono il fabbisogno di tutti gli amminoacidi essenziali per il nostro corpo.
Recenti studi affermano invece che mangiare troppa carne e poca verdura o frutta porta a una maggiore comparsa di tumore (per la presenza di IGF-1, fattore mitogeno implicato nello sviluppo di tumore, nei cibi contenenti molti amminoacidi essenziali).
Inoltre, le proteine animali, sono associate a grassi saturi e colesterolo, i cui valori, se sono alti, portano alla comparsa di malattie cardiache!
Per quanto riguarda i grassi, sappiamo che quelli di origine vegetale, sono senz’altro migliori di quelli di origine animale. Quest’ultimi infatti contengono spesso colesterolo e trigliceridi(grassi circolanti), che potrebbero provocare trombi o portare all’arteriosclerosi. Sono grassi buoni gli “omega-6 e 3” contenuti nelle noci, frutta secca, semi di lino, che riducono i tumori al colon e alla mammella.
Inoltre, mangiare vegetariano apporta senza dubbio un maggior intake di fibre, che aiutano la regolazione dell’intestino, riducendo il tumore al colon e disintossica tutto l’organismo.
Gli alimenti di colore verde, sono ricchi di ferro in forma “non-eme”, per renderlo assimilabile, occorre condirlo con vitamina c, quindi succo di limone o arancia, quindi non ci sono problemi anche per gli anemici, se seguono questo consiglio.
Per una persona che segue una dieta ipocalorica, consiglio sempre di fare 2 pasti a settimana vegetariani, unendo sempre le proteine vegetali (legumi come ceci, fagioli, lenticchie, piselli) con pasta riso o pane e una porzione di verdura e frutta e un cucchiaio di olio. Oltre che essere equilibrati nell’alimentazione, perderete anche qualche chilo di troppo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *