in Salute

Fotovoltaico ed eolico per un futuro di salute

pannelli fotovoltaiciIl rapporto uomo natura è, nei nostri tempi, sempre più disarmonico. Sembra, alla luce degli accadimenti più recenti, quasi che la nostra specie abbia perso letteralmente la bussola e si stia avviando sempre più verso una catastrofe ecologica. Eppure, raggiungere un equilibrio, un’armonia con il mondo della natura che ci circonda significa migliorare anche la nostra stessa vita. Non ci vuole molto a capire come una centrale energetica a carbone produca un inquinamento maggiore rispetto a una centrale basata sul fotovoltaico. O come la produzione di energia tramite l’energia eolica provochi senza timor di dubbio una minore insorgenza di tumori o malattie rispetto alle centrali basate sugli idrocarburi. E non può essere nemmeno argomento di discussione l’utilizzo dell’energia atomica: allo stato attuale le tecnologie di smaltimento delle scorie, e di contenimento delle radiazioni, hanno ancora un alto livello di pericolo. Il rischio è quello di spostare un problema, quello dell’inquinamento e della salute, dalla generazione attuale a quelle prossime, rendendo il già disarmonico rapporto uomo-natura ancora meno equilibrato oggi, e gettando le basi per una catastrofe sia sanitaria che ecologica domani.

Forse, l’unica possibilità per uscire da questo empasse energetico è la creazione di una rete di centrali basate su energie ecologiche, rinnovabili e sicure come il fotovoltaico e l’eolico. Uno studio EPIA, a tale proposito, ha analizzato recentemente l’ingente potenziale del fotovoltaico nell’area definita Sunbelt, tra il 35° parallelo Nord e Sud. La potenza derivabile da questa vasta area della Terra può variare da 60 a 250 GW entro il 2020, e da 260 a 1.100 GW nel 2030, cioè una quota compresa tra il 27 e il 58% del totale, mentre allo stato attuale rappresenta solamente il 9% della potenza fotovoltaica.
Per limitarci invece all’Italia e avere informazioni precise su come sfruttare le energie rinnovabili presenti sul proprio territorio, è possibile richiedere la consulenza di aziende specializzate come Kennew, pannelli fotovoltaici a Milano e Bergamo, che ci ha fornito lo spunto per questo articolo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *