in Salute

Fisioterapista: una professione impegnativa ma gratificante

fisioterapistaUn fisioterapista spesso è un ausilio irrinunciabile per chi soffre di disfunzioni post traumatiche o di dolori dovuti all’età avanzata. Si tratta di un professionista che opera nel settore sanitario dell’area delle terapie riabilitative. Per esercitare l’attività occorre frequentare con successo un corso triennale o quinquennale presso le Università che lo propongono su tutto il territorio nazionale.
Chi la esercita, sostiene che si tratta di una professione impegnativa ma molto gratificante, perché permette di assistere, in alcuni casi, ad una vera e propria rinascita del paziente. Laddove, in casistiche più gravi, la terapia sia solo di mantenimento, c’è comunque la coscienza di fornire un ausilio senza il quale il soggetto sottoposto a cura sarebbe destinato all’immobilità.
Lato paziente, il bisogno di cure fisioterapiche è presente sul territorio, ed è importante avere l’opportunità di cure direttamente in casa, date la difficoltà di spostamento che sono tra le caratteristiche mancanze di chi ha bisogno di questo ausilio, è cosi che sorgono iniziative di servizio di fisioterapia a domicilio a Roma, Milano, Torino e in altre grandi città, per offrire competenze slegate dalle strutture sanitarie locali. Più difficile trovare tali competenze in province o paesi più piccoli, dove invece ci sono comunque i liberi professionisti disponibili ad intervenire direttamente nelle case.
In Italia la professione è regolata sin dal Decreto Ministeriale 741 del 16/9/1994. Esistono molte associazioni relative, una delle più attive è l’AIFI, Associazione Italiana Fisioterapisti, presente in Italia dal 1959. Tra le sue battaglie, la richiesta di un albo professionale per i fisioterapisti, non ancora presente nella nostra nazione. Improbabile che la richiesta venga accolta, nonostante gli appelli, in un momento in cui l’intera sistema sanitario nazionale traballa sotto i colpi della crisi ed i tagli colpiscono non solo il personale sanitario ma anche i pazienti disabili o disagiati, che vedono tagliato o abolito ogni tipo di sussidio.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *