in Benessere Psicofisico

Disturbi del sonno: alcune cause poco considerate

disturbi sonnoSvegliarsi la mattina con una sensazione di stanchezza non è affatto piacevole: la causa più comune è la perdita di sonno durante la notte. Le ragioni dei disturbi del sonno non sono di facile attribuzione: spesso si attribuisce l’interruzione del sonno a motivi che non sono quelli reali.
I break notturni di qualche minuto non sono affatto rari, e vengono spesso vissuti in maniera inconscia: alla mattina non se ne conserva alcun ricordo. Altra cosa è invece restare svegli per periodi più lunghi: non è facile in questo caso avere un buon riposo.
Tra le cause della veglia notturna, ce ne sono alcune poco considerate ma che hanno un’incidenza rilevante sul corso del torpore. Ad esempio, portare un animale domestico a letto non è una buona idea. I tempi di riposo degli animali non sono gli stessi degli umani e un gatto o un cane potrebbe avere un picco di vitalità notturna niente affatto comoda da sopportare. Un’altra causa di veglia forzata è l’alcol: se è vero che induce sonno, è altrettanto vero che dopo circa tre ore induce al risveglio. Meglio perciò evitare di bere alcolici appena prima di coricarsi. L’acidità di stomaco è un altro fattore negativo per il sonno ma anche le medicine antiasmatiche o le pillole per il cuore possono influire sulla continuità dell’assopimento. Stimolanti come ginseng e guaranà possono avere una cattiva influenza sul sonno. Anche i dolori cronici, per esempio alla schiena, non sono amici del buon riposo. Per finire, non è possibile dimenticare lo stress. A tal proposito, andare a letto presto senza rilassarsi provoca un probabile disturbo del sonno notturno: meglio rimanere svegli per un po’ cercando di rilassarsi per non rimanere poi svegli durante la notte.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *