in Dieta e Alimentazione

L’importanza della dieta durante e dopo la gravidanza

dieta gravidanzaI medici sono concordi sul fatto che la dieta delle donne in età fertile ha delle rilevanti conseguenze circa il rischio di malattie croniche della prole in età adulta. Di quali patologie si tratta? Obesità, diabete, malattie cardiovascolari, sviluppi tumorali, disturbi ossei e psichici. Insomma, il rischio è grande e l’attenzione che si dedica alla propria dieta è spesso egoisticamente ridotta ai minimi termini. L’essere madre invece, e anche già l’esserlo in maniera potenziale, implica grandi responsabilità. Secondo il parere degli esperti bisogna seguire una dieta sana e mirata prima del concepimento, nel corso della gestazione, dopo il parto e durante l’allattamento: ad esempio frutta e verdura, magari lavate con biocarbonato per non rischiare infezioni, non devono mai mancare. Sono da privilegiare verdure a foglia verde, arance, kiwi, fragole, ricche di vitamine C e banane.

Il periodo gestazionale è particolarmente critico: la mancata soddisfazione del fabbisogno delle esigenze nutrizionali della madre è il motivo di uno scarso peso alla nascita del bambino, elemento che determina una più elevata probabilità di malattie e mortalità perinatale e una più alta frequenza di malformazioni congenite: meglio evitare in questo periodo gli insaccati, soprattutto se crudi. , e non esagerare con il sale. Anche la fase di allattamento è molto importante: il latte materno dovrebbe essere l’alimento fondamentale dei primi sei mesi di vita del neonato e andrebbe mantenuto fino allo svezzamento, introducendo altri alimenti nel corso del tempo in maniera graduale.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *