in Dieta e Alimentazione

Dieta dissociata: pregi e difetti

dieta dissociataBisogna sfatare miti e leggende metropolitane sulla nutrizione umana. Tutti pensano di essere maestri nel campo dell’alimentazione, ma bisogna stare attenti a quello che si sente dire in giro, bisogna solo fidarsi dei professionisti.
Va di moda la famosa dieta dissociata, ovvero un’alimentazione basata sul consumo di carboidrati a pranzo (pasta o pane) e di sole proteine alla sera (carne o pesce), abbinata sempre a verdura. Fa bene?
Sicuramente la digestione sarà molto più semplice, poiché avendo a che fare con un solo tipo di macromolecole, i nostri enzimi digestivi troveranno più semplificato il lavoro della digestione, ci sentiremo anche meno pesanti e più sgonfi. Però bisogna ricordarsi che il nostro corpo ha bisogno tutto il giorno di zuccheri, dati dai carboidrati, per svolgere le proprie funzioni vitali, quali la respirazione, il battito cardiaco, il funzionamento del cervello …. ecc, per questo gli esperti raccomandano un’alimentazione equilibrata dal punto qualitativo delle macromolecole.
Quindi sì a pasta e pane, con moderazione, sia a pranzo che a cena, magari scegliendo un solo tipo, ovvero o solo pasta o solo pane, accompagnati da proteine (carne, pesce, formaggi freschi, affettati, uova o legumi), e da verdura di stagione. Le porzioni di frutta nell’arco della giornata sono 3, da gestire come si vuole, poiché non è vero che fanno ingrassare mangiate subito dopo pranzo, le calorie sono le stesse sia che le mangi di mattina, sia che le mangi di pomeriggio.
Piuttosto sarebbe bene, appena finito di mangiare, fare una camminata, per favorire la digestione e consumare qualche caloria introdotta.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *