in Dieta e Alimentazione

Dieta dimagrante: la nostra dietista consiglia di pensare all’intestino

emilia piottoQuanti di voi hanno provato a mettersi a dieta ferrea ottenendo scarsi risultati? Quanti si sentono appesantiti, o gonfi o hanno dolori addominali?
I fattori scatenanti e le cause potrebbero essere molteplici, però quasi di sicuro c’è un intestino troppo “pigro”. Spesso sottovalutiamo questo organo, importantissimo per l’assorbimento degli alimenti. Inoltre l’intestino è il primo organo interessato per le difese immunitarie, quindi se siamo “deboli” di salute, potrebbe essere lui che non funziona correttamente.
Il nostro intestino è popolato da una flora batterica, quando essa è malfunzionante oppure è scarsa, arrivano i problemi, per questo è molto importante prendercene cura.
Prima di tutto vediamo come mai la flora (macrobiota intestinale) è alterata. Ormai più della metà degli adolescenti soffrono di disbiosi intestinale, ma neanche lo sanno. Lo si nota dalla numerosa presenza di brufoli sul viso, crampi nella zona addominale e gonfiore.
La prima causa è un’alimentazione scorretta, ricca di grassi saturi (di origine animale) e ricca di carboidrati complessi e zuccheri semplici. Anche l’uso eccessivo di farmaci e alcolici porta alla scomparsa della flora batterica intestinale. Recenti studi affermano che gli obesi hanno un macrobiota intestinale malfunzionante, che porta quindi a uno stato infiammatorio più alto e quindi come conseguenza l’obesità.

Come si fa ad avere un intestino felice?
Prima di tutto bisogna seguire stile di vita e dieta corretta. Quindi no alla vita sedentaria, no a cibi troppo grassi e ricchi di colesterolo. I pasti devono essere equilibrati e non devono mai mancare le fibre nei pasti principali. Quindi almeno 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura di stagione che inglobano l’aria prodotta dalla fermentazione dei carboidrati e la espellono dall’intestino, eliminando così la sensazione di gonfiore addominale e la pancia risulta più piatta.
Per riequilibrare la flora batterica, bisogna introdurre regolarmente prebiotici e probiotici.
I probiotici sono organismi vivi che, somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell’ospite. Si trovano naturalmente in tanti cibi come i cereali integrali, le banane, le cipolle e l’aglio, il miele, i carciofi, le cicorie, latte fermentato, yogurt e kefir.
I prebiotici, in parole semplici rappresentano il cibo dei probiotici, sono i famosi fermenti lattici, che ripopolano l’intestino.
Insieme prebiotici e probiotici distruggono i batteri patogeni dell’intestino e lo ripopolano di batteri “buoni”, prevendo così stati infiammatori più o meno alti che portano a svariate malattie.
Infine vi ricordo che l’ intestino è alterato anche in forti condizioni di stress, quindi impariamo a dedicarci del tempo per noi, amiamoci e ogni giorno facciamo per mezzora un’attività che ci piace. L’umore si alzerà e l’intestino ci ringrazierà!

Emilia, dietista

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *