in Salute

Consigli per rendere attivo l’intestino pigro

Cura StipsiI ritmi di vita sballati o stressanti, un’alimentazione povera di fibre e di liquidi, uno stile di vita troppo sedentario, spesso sono all’origine di quel fastidioso disturbo che va sotto il nome di stipsi. Comunemente conosciuto anche come stitichezza, costipazione o come sindrome da intestino pigro, si tratta in sostanza di una irregolarità e/o di una scarsità relative alla defecazione. Il meccanismo di base è una inefficiente peristalsi (motilità) intestinale: in pratica, se non ci si scarica almeno tre volte alla settimana e non si riesce a liberare completamente l’intestino dalle feci, al momento dell’evacuazione (con evacuazioni difficili e feci scarse, spesso dure), allora molto probabilmente si soffre di stipsi.

Naturalmente c’è una netta differenza tra stipsi cronica e stipsi occasionale e le due situazioni richiedono rimedi diversificati. Nel primo caso è sempre necessario rivolgersi a un medico e individuare la cause precise che comportano la stipsi cronica. Sicuramente un’alimentazione più equilibrata (con un apporto migliore di fibre e liquidi attraverso frutta, verdura cruda e cotta, cereali, crusca, acqua, succhi di frutta, ecc.) e una sana attività motoria sono il primo passo per prevenire la stipsi cronica e, tuttavia, da soli potrebbero non essere sufficienti. Dunque in questi casi è d’obbligo il consulto di un medico.

Viceversa nella stipsi occasionale, che si manifesta saltuariamente, magari in concomitanza con un viaggio, con il cambio di stagione, con una particolare situazione di stress, può bastare a risolvere il problema l’utilizzo di un prodotto lassativo di qualità. Alcuni prodotti naturali in commercio infatti, come quelli della linea Pharbenia di Bayer Spa, sono espressamente indicati per curare disturbi lievi e transitori facilmente riconoscibili e risolvibili.
Per ulteriori approfondimenti consigliamo di visitare la sezione di Pharbenia dedicata all’intestino pigro.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *