in Dieta e Alimentazione

Batterio killer E.coli in Trentino: primo caso in Italia

batterio killer ehecAggiornamento delle 14.15: l’ospedale di Merano ha smentito la notizia qui sotto riportata dicendo che il turista tedesco è intossicato da un altro tipo di virus.

Il batterio killer contenuto nei vegetali sembra avere rallentato la sua propagazione e tuttavia non smette di diffondersi. Secondo il quotidiano Dolomiten, un primo caso sospetto si è verificato anche in Italia, in Trentino Alto Adige, dove un turista tedesco è ricoverato all’ospedale di Merano con problemi intestinali.

Il Governo invita comunque a non abbandonarsi al panico: il ministro della Salute Ferruccio Fazio ha specificato che i controlli saranno intensificati e che comunque il rispetto delle più elementari norme igieniche, come lavare le mani e la verdura con cura, possono essere sufficienti ad evitare il contagio.Intanto gli scienziati cinesi che hanno isolato il virus invitano la Germania, focolaio della diffusione, a controllare gli imballaggi di confezionamento degli alimenti, in quanto il batterio killer, dapprima rilevato solo sui cetrioli, avrebbe una presenza trasversale su diversi tipi di cibo.
Il batterio E.coli enteroemorragica (Ehec) deriva probabilmente da una combinazione di altri batteri e colpisce in primo luogo l’intestino, quindi l’apparato renale: fino ad ora ha fatto 18 vittime e tutt’ora non c’è una cura sicura, né in Italia né nel resto del mondo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *