in Sport e Fitness

Tecniche di allenamento per il mal di schiena

panca inversioneIl mal di schiena, purtroppo, è un problema che affligge tantissime persone: in Italia si parla di 15 milioni di casi ed è tra le prime cause dell’assenteismo. Chi passa tante ora in piedi o seduto in ufficio sa benissimo quanto possa essere fastidioso e quanto sia difficile ridurlo. Oltre alle tecniche più conosciute, esistono varie soluzioni meno praticate ma altrettanto efficaci che possono portare ad un riduzione del mal di schiena anche abbastanza notevole.
Tanto per iniziare, il metodo Pilates. Se ne sente parlare moltissimo ma pochi sanno bene cos’è. Un’attività prolungata in tal senso porta dei benefici evidenti a fisico e schiena in particolare. Fondamentale in questo caso la costanza e la serietà nell’esercizio.
Altra disciplina forse poco conosciuta è il Gyrotonic, disciplina di allenamento nella quale si svolgono svariati esercizi stile stretching a respirazione variabile con il solo scopo di andare a lavorare su determinate parti del corpo, allungandole e potenziandole. Nel Gyrotonic particolare attenzione viene data alla colonna vertebrale, quindi schiena, permettendone un rafforzamento e un miglioramento generale. Generalmente praticata da sportivi per allenare determinati movimenti caratteristici del proprio sport, è consigliata sempre più dai medici per fasi riabilitative dopo traumi vari.
Altro strumento molto efficace è la panca ad inversione. Attrezzo strano e che spesso incute parecchio timore, è un vero e proprio tocca sana per dolori alla schiena arrivando ad allungamenti momentanei del proprio corpo di addirittura 3 cm. Come in tutte le cose, anche con la panca ad inversione bisogna usare la massima cautela e esercitare il proprio coro in maniera graduale. Iniziare con un minuto al giorno può sembrare poco, ma in un corpo non abituato è più che sufficiente in quanto il soggetto deve abituarsi a una forma gravitazionale nuova, al dolore alle caviglie che può sorgere le prime volte e al sangue che viene influenza dalla forza gravitazionale di direzione opposta al normale. Una volta abituati alla panca, una sessione giornaliera di circa 3 minuti è sicuramente sufficiente per procurare sollievo al paziente.
Nel caso si decida di acquistare una panca ad inversione, fondamentale è la qualità dell’attrezzo. Investire del capitale in una panca scadente e non sicura è un’idea da non prendere in considerazione. Sempre meglio puntare ai prodotti di qualità e di marca conosciute nel settore come ad esempio High Power oppure Carnielli.
Fatta questa breve carrellata, non vi resta che scegliere la soluzione più adeguata alle vostre caratteristiche e iniziare un allenamento costante, i risultati in termine di benessere fisico non tarderanno ad arrivare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *