in Dieta e Alimentazione

Alimentazione in età pediatrica: i consigli della nostra dietista

convegno obesita emilia piottoDa giovedì 20 a sabato 22 Novembre ho partecipato all’ XI Congresso Nazionale Società Italiana di Nutrizione Pediatrica (SINUPE), l’evento chiamato “Milanopediatria”, nutrizione genetica ambiente per l’educazione alla salute, tenutosi all’hotel Executive di Zona Garibaldi, a Milano. Eravamo presenti più di 500 figure professionali, tra pediatri, dietisti, nutrizionisti, farmacisti e infermieri pronti a sentire gli aggiornamenti sui principali temi di allergie e alimentazione in età pediatrica.
E’ stato molto interessante, e coinvolgente. Le tematiche affrontate sono state numerose, gli aggiornamenti in campo medico straordinari. Essendoci più discussioni contemporaneamente nelle varie aule, ho seguito tutto quello che riguardava l’alimentazione. Ebbene, gli ultimi dati statistici affermano che i bambini obesi sono l’11,6 % dei bambini totali, una cifra che si è alzata rispetto al 2010, quando 1 bambino su 10 era obeso.

Quali sono le cause dell’obesità infantile?
Ce ne sono diverse, in primis un apporto dietetico errato nei primi anni di vita. Gli esperti hanno consigliato di prevenire l’obesità con l’allattamento al seno, fino al primo anno di vita, supplementandolo con alimenti durante lo svezzamento e hanno sottolineato l’importanza di acque minerali contenenti molti sali minerali, quali il calcio per lo sviluppo delle ossa. Inoltre, è stato dimostrato scientificamente, che le proteine nei primi anni di vita, non devono essere abbondanti, poiché incidono sull’obesità a 6 anni, per la formazione di troppo adipociti (cellule di grasso).
E’ importante mangiare bene e sano, fin dalla gravidanza, quando si forma il feto, e ancora prima di rimanere gravide, bisogna tenere controllato il proprio BMI (Indice di massa corporea). Infatti, donne in sovrappeso, e che non seguono uno stile di vita corretto, potrebbero dare alla luce bambini, che da adulti potrebbero presentare problemi di obesità.
Quindi sì a Omega 3, i famosi grassi buoni, contenuti nel pesce, soprattutto nel salmone e tonno, sia in gravidanza, sia ai bimbi piccoli. No invece al latte vaccino (latte di mucca) fino al compimento del primo anno di vita, poiché è troppo ricco di proteine.
Una panoramica molto interessante è stata anche quella delle diete iperproteiche, seguite soprattutto in adolescenza, dai maschi, convinti che servono per mettere su massa magra, ignorando che vanno incontro a numerosi problemi per i reni e fegato, e se non vengono consumate calorie, si trasformano in tessuto adiposo.
Di certo un articolo non basta per descrivere le numerose nozioni di questo congresso, vi posso dire e consigliare però, che prima di una sana alimentazione, ci vuole molto movimento, fin da piccoli. Abituiamo i nostri bambini a giocare all’aria aperta (che fa attivare la vitamina D per la calcificazione ossea), e non a stare seduti davanti a videogames o televisori, e diamo una merenda sana e non sottoforma di brioches, merendine confezionate o “cibo spazzatura” …. da adulti ci ringrazieranno!

Emilia Piotto, Dottoressa Dietista

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *