in Salute

Addominoplastica circonferenziale: la soluzione per migliorare l’addome post dimagrimento

addominoplastica circonferenziale I dati nazionali dell’obesità sono allarmanti, si parla di 57mila morti all’anno per cause attribuibili a questa condizione, e il costo annuo dell’obesità arriverebbe addirittura a più di 22 miliardi di euro se si calcolassero anche i costi complessivi delle patologie correlate.
Infatti, solo in Italia le persone obese sono 5,5 milioni, con oltre 100 mila casi l’anno e un costo annuo stimato in 9 miliardi di euro tra costi sanitari, calo di produttività, assenteismo e mortalità precoce. L’obesità grave è infatti un importante fattore di rischio per diabete, malattie cardiovascolari, malattie muscoloscheletriche e tumori.
I pazienti obesi che decidono poi di dimagrire o per mezzo di interventi chirurgici di chirurgia bariatrica (palloncino gastico, bendaggio gastrico, by pass digiuno-ileale, ecc..) oppure con dieta ferrea, si trovano a dover affrontare gli esiti di questi dimagrimenti. Fortunatamente la chirurgia plastica post bariatrica è a disposizione di questi pazienti per migliorare la qualità della loro vita.
Fra le varie tecniche che si sono sviluppate negli ultimi anni nell’ambito della chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica post dimagrimento, una delle più interessanti e innovative, è l’ addominoplastica circonferenziale.
Questa tecnica consiste nel trattare i difetti della regione addominale, dovuti soprattutto a esiti di obesità patologica e a forte dimagrimento, sia nella regione anteriore dell’addome che nella regione posteriore, mediante una chirurgia e una liposcultura.
Il trattamento chirurgico della regione addominale a 360° comporta dei cambiamenti e dei risultati che sono veramente impressionanti, nel senso di risultati sbalorditivi come miglioramento estetico.
Questi interventi vengono eseguiti sempre in anestesia generale hanno una durata di circa 4 ore e possono essere seguiti in casi non troppo estesi in day hospital altrimenti è necessaria una notte di ricovero in clinica. Non è un intervento particolarmente doloroso e il paziente può ritornare ad eseguire una vita piuttosto normale nell’ambito di una decina di giorni dopo intervento chirurgico. Tutte le cicatrici sono eseguite con suture con fili riassorbibili e quindi non devono essere rimossi nel post operatorio e il 100% delle attività può essere ripreso ad un mese dall’ intervento.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *